Partizan Belgrado Inter 1 a 3 Europa League, la qualificazione ai sedicesimi è arrivata

Dopo un primo tempo giocato a ritmi bassi è Palacio, subentrato a Nagatomo ad inizio ripresa, a spaccare in due la partita. L’argentino, in meno di venti minuti, deposita in rete due gol sfruttando due assist di Guarin che, nel finale, chiude i conti.

 

Stramaccioni, alla ricerca del passaggio del turno in Europa League dopo la meritata vittoria di sabato sera contro la Juventus, si affida al bomber di coppa. Stiamo parlando di Livaja, sarà lui ad agire da unica punta supportato da un centrocampo a cinque con capitan Zanetti e Nagatomo sulle fasce con Mudingayi, Cambiasso e Guarin in mezzo. In difesa, davanti ad Handanovic, spazio a Jonathan, Silvestre, Juan Jesus e Pereira.

 

Il Partizan invece si schiera con il talento Markovic, Ilic e Tomic alle spalle di Scepovic. Centrocampo a due con Medo e Smiljanic. Davanti a Petrovic, invece, spazio a Milikovic, Ostojic, Ivanov e Lazevski.

 

Inizia bene la squadra di casa; al3’ci prova Scepovic da fuori, ma la conclusione non crea alcun problema ad Handanovic. Un minuto dopo si vede l’Inter con Livaja. L’assist per Cambiasso, però, non va a buon fine.

 

Al 12’tegola per Stramaccioni che perde Mudingayi per un problema muscolare; il tecnico romano decide di non rischiare l’ex Bologna ed inserisce Gargano. Al 18’ prima conclusione degna di nota del match: dai ventidue metri ci prova Guarin: sfera che non esce di molto.

 

La difesa del Partizan rischia di capitolare al 23’quando Cambiasso e LIvaja si involano nell’area avversaria; il giovane attaccante prova la conclusione da fuori che, però, non impensierisce l’estremo difensore avversario.

 

Le azioni offensive della squadra di casa sono tutte incentrate sul talento Markovic che, però, fatica a superare la folta retroguardia neroazzurra. Al 27’ è ancora Guarin, in stato di grazia dopo il match contro la Juventus, ad andare alla conclusione: palla che sorvola la traversa.

 

Al 29’primo cambio anche per i padroni di casa: Ilic, infortunato, è costretto ad uscire. Al suo posto entra Jojic. Un minuto dopo primo intervento di Handanovic: lo sloveno, nella stessa azione, compie due miracoli su Ivanov, che di testa, va veramente vicino al gol del vantaggio.

 

Nei minuti finali del primo tempo succede veramente poco; la prima frazione si chiude qui: ritmi molto blandi in questi primi45’ con le due squadre che hanno pensato più a difendersi piuttosto che offendere.

 

La ripresa si apre con un cambio per l’Inter. Stramaccioni decide di lanciare Palacio facendolo subentrare per Nagatomo. È la svolta della partita: al50’ l’argentino trova Guarin. Cross in mezzo che viene respinto dalla difesa avversaria.

 

Al 51’ l’Inter riesce a trovare il vantaggio proprio con il neo entrato Palacio che sfrutta al meglio un assist di Guarin e deposita in rete di petto. Pochi secondi dopo è Cambiasso, con un bel tiro, ad andare vicino al raddoppio. Al 59’ ci prova anche Livaja: palla che si spegne tra le braccia di Petrovic.

 

I minuti successivi sono un monologo dell’Inter; al 70’è Pereira, dalla fascia sinistra, ad inserirsi andando alla conclusione. L’estremo difensore si rifugia in angolo. La supremazia neroazzurra della ripresa si concretizza, per la seconda volta, al 74’: è ancora Palacio, su assist di Guarin, a trovare la via del gol dopo esservi involato in campo aperto.

 

Al 76’terzo cambio per il tecnico romano: esce LIvaja, autore di una prestazione convincente, ed entra Cassano. All’86’ il barese, con Palacio e Guarin, confeziona una bella azione che porta il centrocampista colombiano a siglare la terza rete.

 

Nel finale, più precisamente al 90’, c’è tempo anche per il gol della bandiera del Partizan; sul cross di Markovic è Tomic, di sinistro, a trovare la via del gol. Bel mancino al volo del centrocampista del Partizan.

 

Il match si chiude qui: l’Inter espugna Belgrado per 1 a 3 e si conferma la forza principale di questo girone di Europa League. I sedicesimi sono ufficiali, resta da vedere se la classifica finale vedrà la squadra di Stramaccioni al primo o al secondo posto.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

 

Leggi anche:

Milan – Malaga 1 a 1 Champions League, Pato risponde a Eliseu

Juventus – Inter 1 a 3 Serie A undicesima giornata, prestazione super dei neroazzurri

 

Milan – Chievo 5 a 1 Serie A undicesima giornata, è veramente iniziata la nuova stagione

 

Analisi Juventus – Inter 3 novembre 2012 Serie A, precedenti, curiosità e probabili formazioni

 

Gol fantasma, Fifa ufficializza i sistemi elettronici: cosa sono e quanto costano gli Hawk-Eye e GoalRef

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here