Olimpia EA7 Milano – Scavolini Siviglia Pesaro 93 a 65, Basket, Lega A, ventiseiesima giornata. Milano asfalta Pesaro con Hairston

MILANO – La stagione altalenante dell’EA7 vs Zagabria foto ©Andrea MeneghiniOlimpia Milano vive l’ennesimo capitolo. Dopo due ko consecutivi in casa e le conseguenti critiche del pubblico biancorosso, ecco che la banda Scariolo mette a tacere polemiche e fischi con la seconda vittoria consecutiva in campionato. Sesto successo interno nell’ annata in corso, trend non di certo da top team ma utile in chiave play-off scudetto. I meneghini con la vittoria odierna salgono al quarto posto, in attesa delle altre contendenti che scenderanno in campo nella giornata di domani.

 

Sabato sera stellato sopra il cielo del Forum, impreziosito dalla vittoria e dal rientro determinante di Malik Hairston tra le fila “Armani”. Gara importante anche per Alessandro Gentile, che domani prenderà parte alla Milano City Marathon come rappresentante di una Onlus, il quale raggiunge quota 1000 punti tra i professionisti. Match dell’ex Rok Stipcevic, passato a Pesaro dopo la breve parentesi meneghina.

 

Daniele Cavaliero è il top scorer della serata con 17 punti. Alessandro Gentile sempre più trascinatore di questa Olimpia: il figlio d’arte con la maglia numero 25 mette a referto 14 punti, staccando di una lunghezza Bourousis, fermo a quota 13, e di due Hairston e Melli, entrambi che chiudono a 12. Nel finale esordio anche del baby Merlati.

 

PRIMO QUARTO – Scariolo affronta il suo passato, nella stagione 1989/90 conquistò con Pesaro il suo primo scudetto. Il tecnico bresciano schiera nel quintetto titolare Fotsis, Bourousis, Langford, Gentile e Green. Markovski risponde con l’ex Rok Stipcevic, Cavaliero, Barbour, Kinsey e Bryan. L’avvio di gara vede Pesaro maggiormente precisa e fortunata al tiro: gli ospiti vanno sul 4-7 grazie a Kinsey, Barbour e Cavaliero. Milano trova in Alessandro Gentile il condottiero per invertire la rotta: prima firma la tripla del pari, poi i quattro punti valevoli per il primo allungo 11-7. Stipcevic pareggia, Bourousis colpisce dall’arco.

– Anche Green  trova il canestro da fuori la lunetta, al quale replica prontamente Barbour: 17-14. Nella fase centrale del primo quarto la sfida si mantiene sul filo del punto: Cavaliero e Barbour rispondono colpo su colpo ai vari Hairston e Bourousis. Milano conduce 21-20 al 7’. Negli ultimi tre minuti i padroni di casa allungano grazie a Radosevic, Hairston ed il greco Bourousis, chiudendo il primo quarto avanti 30-23.

 

SECONDO QUARTO – Barbour sblocca il digiuno a canestro dei primi 120’’. Hairston replica firmando quattro punti consecutivi. Melli entra e va subito a segno Hairston fa 2/2 dai tiri liberi, mentre Nicolò Melli fa registrare la prima tripla della serata. Milano vanta 14 punti di vantaggio sul roster marchigiano. Bremer piazza dai 6,75, Cavaliero risponde dall’arco. Nella sfida dei tiri da tre rientra Nicolò Melli con il canestro che vale il 47-31.

– L’ Olimpia sembra avere in mano il controllo della gara. Gestisce bene il vantaggio e difende in maniera ordinata. Pesaro palesemente in difficoltà, cede il passo ai padroni di casa. Negli ultimi due minuti di gioco Bourousis schiaccia,  Cavaliero fa registrare un 2/2 ai liberi, mentre Marques Green chiude il tempo con una tripla. Si va all’intervallo sul parziale di 54-35.

 

TERZO QUARTO – La pausa tra i due tempi non interrompe il cammino meneghino. La formazione di Scariolo completa in apertura un break di 7-0 grazie al canestro da tre punti siglato da Antonis Fotsis. Daniele Cavaliero prova a tenere a galla i marchigiani con la seconda tripla della serata. Pesaro in tre minuti chiude un parziale di 6-2. Langford dalla lunetta fa 1/2 , ma si fa perdonare qualche istante più tardi quando piazza la bomba da tre che vale il 63-44.

– Altro parziale in favore di Pesaro:5-0 firmato Crosariol in schiacciata e Kinsey dalla lunetta (3/4). Gentile segna da sotto, mentre Green va nuovamente a segno da fuori la lunetta: 68-49. Diciannove punti di vantaggio per l’Olimpia, il massimo registrato fino ad allora nel match. Crosariol e Radosevic chiudono il terzo quarto ai liberi: 70-51, alimentando il gap tra le due formazioni.

 

ULTIMO QUARTO – Nell’ Olimpia entra Basile e piazza subito tre tiri liberi, 100 % dalla lunetta per l’ex Cantù. Pesaro reagisce con un 7-0 firmato Crosariol, Cavaliero e Torey da tre punti. Milano sfrutta i tentativi dalla lunetta concessi dagli ospiti. Malik Hairston da 2/2.  Radosevic piazza quattro punti consecutivi. Crosariol sale in doppia cifra. Al 36’ Gentile piazza la tripla  del 82-60, consolidando il record di punti tra i professionisti. Bourousis schiaccia, mentre Barbour colpisce dalla distanza.

– Gentile va ancora a segno, Basile trova la prima bomba da tre della serata. Pesaro alza bandiera bianca. Nicolò Melli raggiunge quota 12 punti. Nell’ Olimpia esordisce il giovane Andrea Merlati, il quale al 39’firma il primo punto con la casacca Olimpia in Serie A, chiudendo il match sul punteggio di 93-65.

 

TABELLINO OLIMPIA EA7 MILANO – SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO 93-65 (30-23; 54-35; 70-51; 93-65)

– Olimpia EA7 Milano: Giachetti, Hairston 12, Fotsis 7, Bourousis 13, Merlati 2, Melli 12, Bremer 3, Langford 6, Gentile 14, Green 9, Radosevic 9, Basile 6. Coach: Scariolo

– Scavolini Siviglia Pesaro: Traini, Cavaliero 17, Stipcevic 2, Barbour 15, Thomas 5, Crosariol 16, Meck 1, Bryan, Amici, Kinsey 9. Coach: Markovski.

– Arbitri: Cerebuch, Mazzoni, Pozzana.

 

Leggi anche:

Banco di Sardegna Sassari – Olimpia EA7 Milano 79 a 85,Basket Lega A, venticinquesima giornata. Langford “salva” Scariolo

Olimpia EA7 Milano – Sutor Montegranaro 71 a 85, Basket, Lega A, ventiquattresima giornata. Clamoroso tonfo meneghino

Olimpia EA7 Milano – Vanoli Braga Cremona 78 a 81, Basket, Lega A, ventitreesima giornata. Cremona corsara a Desio

Umana Venezia – Olimpia EA7 Milano 88 a 97, basket, ventiduesima giornata. Langford e Gentile stendono Venezia

 

Giovanni Parisio

Foto: Andrea Meneghini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here