Il settembre nero di Allegri, una consuetudine per il tecnico livornese. Media di 1,35 punti nella sua carriera e di 1,39 punti con il Milan: dettagli e tabelle

Massimiliano AllegriI tifosi rossoneri possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. Siamo al 1° ottobre e, di conseguenza, il mese di settembre è terminato. Come mai? E’ successo qualcosa? Niente di inaspettato o di imprevisto, solamente una consuetudine che si ripete da diversi anni. La carriera da allenatore di Max Allegri, infatti, segue un fil rouge ben definito: il nono mese dell’anno è il peggiore per il tecnico livornese, che ha una media di 1,35 punti a partita.

 

LA PROMESSA DI ALLEGRI – “A Natale avremo una classifica diversa, saremo molto più vicino ai primi”. Quella di Allegri è una promessa, supportata anche dalle statistiche. Difficile non credergli. I dati dicono questo.

– Il tecnico livornese, per quanto riguarda il mese di settembre, ha un record, negativo, invidiabile. Nella sua carriera da allenatore ha totalizzato 45 partite nei campionati professionistici vincendone 16, pareggiandone 13 e perdendone 16.

– Una media punti disastrosa, 1,35 a partita, da zona salvezza che poteva essere allineata con gli obiettivi del Cagliari (dove nelle due stagioni ha avuto una media generale di 1,33 punti a match), ma che diventa profondamente negativa se analizzata nella sua esperienza al Milan (dove ad ora in campionato ha una media di 2,02 punti a partita).

 

IL SETTEMBRE A CAGLIARI – Per avvalorare i dati riportati, non resta che analizzare i risultati avuti da Allegri durante i soli mesi di settembre della sua carriera. Iniziamo dall’avventura al Cagliari.

– Partiamo dalla stagione 2008/09, dove Allegri ha collezionato cinque sconfitte nelle prime cinque giornate, di cui la prima a fine agosto. A settembre ha perso 2 a 0 a Siena, 1 a 0 in casa contro la Juventus, 1 a 0 a Bergamo contro l’Atalanta e 2 a 0 contro il Lecce in Puglia.

– Poco meglio ha fatto nella stagione successiva, 2009/10. Quattro punti conquistati nelle prime cinque giornate; inoltre, se prendiamo come riferimento il solo mese di settembre, vediamo due vittorie, l’1 a 0 a Bari alla quinta giornata ed il 2 a 0 a Parma alla sesta giornata. Per il resto solo sconfitte: 1 a 0 contro la Fiorentina e 2 a 1 contro l’Inter. 6 punti in 4 gare e media di 1,5 punti a partita.

– Nel complesso, nelle due stagioni vissute al Sant’Elia, il tecnico toscano ha totalizzato, nel mese di settembre, 6 punti in 8 gare. Media di 0,75 punti a partita.

 

LE PRIME DUE STAGIONI AL MILAN – Di mesi di settembre, in rossonero, Allegri ne ha vissuti quattro; volontariamente li abbiamo divisi in due paragrafi. Le stagioni 2010/11 e 2011/12 da una parte e quelle 2012/13 e 2013/14 dall’altra. Il motivo è presto detto: le prime due vissute con senatori e campioni del calibro di Thiago Silva ed Ibrahimovic; le ultime due con una squadra disfatta prima e restaurata, in parte, poi.

– Iniziamo dal settembre del 2010. In Serie A, Allegri ha totalizzato 5 punti in 4 partite, perdendo 2 a 0 a Cesena, pareggiando 1 a 1 contro Catania e Lazio e battendo il Genoa per 1 a 0. Media di 1,25 punti a partita. Le statistiche migliorano di poco se si aggiungono i due match di Champions League: 2 a 0 contro l’Auxerre ed 1 a 1 contro l’Ajax. Così facendo arriviamo a 9 punti in 6 match e media a 1,5 punti.

– Lo stesso score l’ha ottenuto anche nella stagione seguente: nel 2011/12 ha totalizzato 5 punti su 4 match in campionato e 4 punti in 2 partite in Champions League. Le avversarie, però, erano di diversa caratura: 2 a 2 contro la Lazio, sconfitta per 3 a 1 contro il Napoli, pareggio 1 a 1 contro l’Udinese e vittoria per 1 a 0 contro il Cesena in campionato. Per quanto riguarda la manifestazione Uefa, 2 a 2 contro il Barcellona e 2 a 0 contro il Viktoria Plzen.

– La media, però, non è certamente entusiasmante. Considerando solo il campionato arriviamo a 10 punti distribuiti su 8 match (media di 1,25 a partita); se contiamo anche la Champions League sale di poco: 18 punti su 12 match e media a 1,5.

 

LE ULTIME DUE STAGIONI – Per quanto riguarda le ultime due stagioni, qui Allegri può vantare delle attenuanti. Soprattutto nella scorsa, quando si è trovato ad allenare una squadra smembrata dalla partenza dei senatori e dei due pilastri: Thiago Silva ed Ibrahimovic.

– In campionato 7 punti in 5 partite (media di 1,4 punti a match): vittorie per 3 a 1 contro il Bologna e 2 a 0 contro il Cagliari, pareggio per 1 a 1 contro il Parma e sconfitte per 1 a 0 contro l’Atalanta e 2 a 1 contro l’Udinese. In Champions una sola apparizione: 0 a 0 contro l’Anderlecht. Nel complesso 8 punti su 6 match: media a 1,33.

– E’ andata meglio nel settembre 2013: 8 punti in 5 partite in Serie A (media di 1,6 punti a match) e 3 punti conquistati in Champions League contro il Celtic. Nel complesso 11 punti su 6 match: 1,83 punti a partita.

– I due mesi di settembre del “post-grande Milan” si sono chiusi con una media addirittura migliore degli anni precedenti: 19 punti in 12 match significano 1,58 punti a partita.

 

RICAPITOLANDO – Nella tabella seguente ricapitoliamo i sei mesi di settembre che abbiamo preso in esame, considerando unicamente la Serie A.

– Per semplicità di calcolo abbiamo omesso, da questa analisi, le stagioni passate sulle panchine dell’Aglianese, della Spal, del Grosseto e del Sassuolo.

 

STAGIONE

SQUADRA

SERIE A

MEDIA PUNTI

PUNTI

PARTITE

2008/09

Cagliari

0

4

0,00

2009/10

Cagliari

6

4

1,50

Media Cagliari

6

8

0,75

2010/11

Milan

5

4

1,25

2011/12

Milan

5

4

1,25

2012/13

Milan

7

5

1,40

2013/14

Milan

8

5

1,60

Media Milan

25

18

1,39

MEDIA TOTALE

31

26

1,19

 

– Da tali numeri si evince quanto abbiamo sostenuto sin dall’inizio: settembre è un mese nero per Allegri. In sei anni “vanta” una media di 1,19 punti a partita; se si restringe l’analisi alle quattro stagioni passate al Milan, si vede come la media settembrina sia di 1,39 punti a partita, contro una media punti generale per la Serie A di 2,02.

– E’ poi interessante notare come l’andamento del settembre rossonero di Allegri sia inversamente proporzionale alla quantità di senatori e campioni in squadra. 1,25 nei primi due anni del Milan, mentre 1,40 prima, e 1,60 poi, nelle ultime due stagioni, quelle della ristrutturazione del Diavolo.

– In conclusione, l’avvio non brillante è fisiologico per Allegri. C’è la speranza che, essendo entrati da poche ore nel mese di ottobre, il bilancio possa tornare ad essere “da Milan”.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Milan – Sampdoria 1 a 0 Serie A sesta giornata, Birsa regala i tre punti ad Allegri

Balotelli croce e delizia del Milan: gol, rigori e tante ammonizioni. Analisi e dettagli

Squalifica Balotelli per 3 giornate, salterà Bologna, Sampdoria e Juventus, pronto il ricorso del Milan. Tutti i dettagli

Erick Thohir compra l’Inter, finita l’era Moratti. Indiscrezioni, cifre e date dello storico passaggio di proprietà

Sanzione Inter per razzismo, chiusa la curva Nord; novità su Thohir e interessamento per Obiang

 

Matteo Torti

Foto: wikipedia.org