Italia – Olanda 2 a 0 Amichevole, subito una bella partenza per Conte

Nazionale-Italiana-2012Una partenza migliore di questa non la si poteva chiedere ad Antonio Conte. Erano 16 anni che un c.t. al debutto non vinceva la partita. L’ex tecnico della Juventus ha ribaltato anche questo record: 2 a 0 in Amichevole contro l’Olanda a Bari e Azzurri che, dopo appena 6 allenamenti, sembrano aver già immagazzinato l’idea tecnico-tattica dell’allenatore barese.

 

Gli Azzurri scendono in campo con il più classico degli schemi contiani: il 3-5-2 con Immobile e Zaza davanti. Mediana con Darmian e De Sciglio sulle fasce e Giaccherini, De Rossi e Marchisio in mezzo. In difesa, davanti a Sirigu, spazio per Ranocchia, Bonucci e Astori.

 

Di fronte l’Olanda, anche lei alle prove con un cambiamento radicale. In panchina non c’è più il mago Van Gaal, ma quel santone di Guus Hiddik. Torna il 4-3-3 con Van Persie in mezzo all’attacco e Kuyt e Lens ai suoi lati. Mediana con De Jong, Sneijder e Wijnaldum. In difesa, davanti a Cillessen, spazio per Janmaat, per il laziale De Vrij, per Martins Indi e per Blind.

 

La mano di Conte si vede sin dai primi secondi. Nemmeno il tempo di iniziare che gli Azzurri attaccano, pressano e vanno in vantaggio. E’ il 3′ quando Immobile, sfruttando un perfetto assist di Bonucci, supera Cillessen regalando l’1 a 0 agli Azzurri.

 

L’Olanda è frastornata e al 9′ Martins Indi si fa espellere per aver commesso un fallo da rigore e aver negato una chiara occasione da rete a Zaza. Dal dischetto si presenta De Rossi; il giallorosso non sbaglia. 2 a 0 al San Nicola di Bari e Azzurri che archiviano già la partita.

 

Sono passati poco più di 10 minuti e Hiddink deve già ricorrere al primo cambio. Entra Veltman per Lens e gli Orange si coprono. Ora è 4-3-2. Gli Azzurri, dopo il doppio vantaggio, si siedono e cercano di addormentare i ritmi del match.

 

Al 21′ ancora Azzurri protagonisti: Immobile va via sulla sinistra e mette in mezzo per Zaza che, tutto solo al centro dell’area di rigore, non riesce a superare Cillessen. L’intesa tra i due giovanissimi gioiellini sembra funzionare.

 

Al 29′, finalmente, Sirigu tocca il suo primo pallone: il portiere del Psg è costretto ad uscire sugli sviluppi di un corner per gli avversari e a smanacciare via la sfera. E’ però solo l’Italia a rendersi pericolosa: al 31′ ancora giocata del duo Immobile-Zaza con l’ex Granata che di collo pieno angola troppo.

 

Nei minuti finali della prima frazione di gioco non accade più nulla. Il primo tempo va in archivio sul 2 a 0 per l’Italia. Azzurri protagonisti di un grande inizio: finalmente un approccio grintoso e preciso a un match che, seppur amichevole, appare comunque delicato per l’importanza dell’avversario.

 

La ripresa inizia senza cambi. Continua il pressing alto degli Azzurri, un aspetto che nel primo tempo ha fatto assolutamente la differenza. Al 49′ ci prova Zaza, ma la sua conclusione termina a lato.

 

Passano pochi secondi e arriva il primo errore della retroguardia Azzurra: Ranocchia sbaglia i tempi e regala palla a Van Persie che però non è freddo quanto serve e calcia fuori. Due minuti dopo ci prova Sneijder dalla distanza, ma Sirigu non si lascia sorprendere e blocca in due tempi.

 

La sinfonia del match è sempre la stessa: l’Olanda fa troppa fatica a costruire gioco e a presentarsi nella nostra area, mentre l’Italia è sempre aggressiva, motivata e concentrata. Al 63′ primo cambio del match: esce Marchisio ed entra Verratti; poco dopo dentro Parolo e Pasqual per un affaticato De Rossi e per De Sciglio.

 

Al 73′ episodio dubbio nell’area avversaria: Janmaat sembra toccare con il braccio, ma per il russo Karasev è tutto regolare. Altri cambi: dentro Destro e Candreva per un ottimo Zaza e Darmian. Hiddink risponde con Wan Der Wiel per Janmaat.

 

Al 75′ primo giallo del match: ammonito Verratti. Poi altri cambi: entra Immobile per Giovino e Narsing e Fer per Van Persie e Wijnaldum. Di occasioni da rete non ne capitano più. Dopo due minuti di recupero, il fischietto russo decreta la fine del match.

 

Al San Nicola termina 2 a 0 per l’Italia. Un debutto fantastico per Conte che, con pochissimi allenamenti alle spalle, sembra essere già riuscito a trasferire ai giocatori convocati la sua mentalità. Un’Italia che è piaciuta per il gioco, per l’aggressività e per la concentrazione. Fattori che sono più volte mancati negli ultimi anni, specie nelle Amichevoli. L’Italia di Conte c’è e fa sul serio.

 

Non resta che cavalcare l’onda di questo importante successo per affrontare al meglio la sfida di Martedì 9 Settembre con la Norvegia. Ad Oslo sono in palio punti importanti per le Qualificazioni a Euro 2016.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Chiusura calciomercato Milan e Inter 2014, arrivano Van Ginkel e Bonaventura, sfuma Biabiany e parte Cristante Sintesi

Torino – Inter 0 a 0 Serie A prima giornata, andamento lento all’Olimpico

Convocati Italia Conte contro Olanda e Norvegia, a casa Balotelli, chiamati Zaza, El Shaarawi e Osvaldo

Milan – Lazio 3 a 1 Serie A prima giornata, è il trionfo di SuperPippo

Fernando Torres è ufficialmente al Milan, ora si lavora per Van Ginkel, Taarabt e Biabiany

Balotelli lascia il Milan per il Liverpool, a 20 milioni di euro. Rabiot, Cerci, Martinez e Destro i nomi caldi del calciomercato

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here