Inter – Cagliari 1 a 4 Serie A quinta giornata, a San Siro splende Zeman

Stadio di San SiroL’entusiasmo post-Sassuolo, in casa Inter, sembra già finito. 4 punti in 3 gare, soprattutto quando gli avversari sono Palermo, Atalanta e Cagliari, sono troppo pochi. E se il trittico viene chiuso da un pesante 1 a 4 subìto a San Siro contro un Cagliari che arrivava da 1 punto in 4 gare, il bilancio non può che essere ancora più negativo. Basta con i proclami di una nuova Inter o di un Mazzarri 2.0, ad Appiano c’è ancora da lavorare.

 

Dare continuità alla bella vittoria di mercoledì contro l’Atalanta e lasciarsi alle spalle la deludente prova di Palermo di una settimana fa. Thohir è a Milano e tutta l’Inter vuole fargli un regalo: una bella vittoria a San Siro contro il Cagliari di Zeman, tra l’altro già molto in discussione dopo il misero punto conquistato in quattro gare.

 

Con Icardi indisponibile per la botta di mercoledì, spazio al tandem Osvaldo e Palacio davanti. A centrocampo turno di riposo per Guarin; sarà Hernanes ad affiancare Kovacic e Medel in mezzo al campo con Nagatomo e Dodò sugli esterni. Davanti ad Handanovic riposa Ranocchia, al suo posto Andreolli al fianco di Vidic e Juan Jesus.

 

Di fronte Zeman si schiera con il consueto 4-3-3: ad Ibarbo, Sau e Cossu il compito di far male alla retroguardia interista. Crisetig, Dessena ed Ekdal a centrocampo con Balzano, Ceppitelli, Rossettini e Avelar a proteggere la porta difesa da Cragno.

 

Inizia su ritmi subito alti il primo tempo. Al 2′ ci prova Nagatomo, ma il suo lancio trova Hernanes in fuorigioco. Pochi secondi dopo Kovacic cerca Palacio, ma l’assist è troppo forte.

 

Al 5′ si fanno vedere anche gli ospiti: azione prolungata di Sau e palla per Balzano che ci prova con il destro, ma si imbatte nel muro difensivo dell’Inter. Al 9′ Cagliari in vantaggio: Nagatomo perde il confronto con Cossu e regala palla a Sau che, tutto solo di fronte ad Handanovic, non sbaglia. 0 a 1 a San Siro.

 

L’Inter reagisce subito ed all’11’ sfiora il pareggio: Palacio in area ritarda troppo la conclusione e spreca un’ottima chance. Al 15′ ci prova Hernanes, ma il suo rasoterra viene deviato dalla difesa sarda. Al 17′ Osvaldo trova l’1 a 1: Palacio batte velocemente un calcio di punizione e serve l’ex Roma e Juventus che anticipa Cragno e deposita in rete.

 

Al 24′ primo giallo del match: Banti estrae il cartellino per Nagatomo. Passano tre minuti dopo e il giapponese si prende, ingenuamente, il secondo giallo. La sua partita finisce anzitempo.

 

L’Inter accusa il colpo ed al 29′ va nuovamente sotto: Dessena fa partire un bel destro da fuori area su cui Handanovic si oppone molto bene. La difesa interista non è pronta ad allontanare la sfera ed Ekdal ne approfitta. 1 a 2 a San Siro.

 

L’Inter, complice l’espulsione di Nagatomo e il nuovo svantaggio, si sistema con il 4-3-2. Il correttivo non porta i risultati desiderati visto che al 34′ prende anche la terza rete. Ibarbo slalomeggia sulla fascia destra e serve Ekdal che segna la sua personalissima doppietta.

 

Ora il Cagliari dilaga. Al 37′ ci prova Sau, ma il suo mancino finisce a lato. Poi è la volta di Crisetig, ma la sua punizione si spegne sul fondo. Al 42′ altro errore di Vidic che stende Sau in area e regala il rigore ai sardi. Cossu batte, ma Handanovic inchioda il risultato sull’1 a 3 opponendosi.

 

Ma l’Inter non è in campo. Al 44′ la squadra di Zeman firma il poker con Ekdal; tripletta per l’ex Juventus che, sugli sviluppi di un corner, è lesto a recuperare palla e a depositare in rete. Il primo tempo termina con Mazzarri che è costretto a sostituire l’infortunato Dodò con D’Ambrosio e con le ammonizioni a Sau e Rossettini.

 

Prima frazione di gioco assolutamente disastrosa per l’Inter che è letteralmente crollata sotto i colpi di un Cagliari finalmente adattato alle idee di Zeman. 4 a 1 per i sardi al 45′ con Inter in dieci per l’espulsione di Nagatomo. Ancora negativa la prestazione di Hernanes, ma pericoloso nel creare gioco, e di Vidic che regala il rigore poi neutralizzato da Handanovic.

 

La ripresa inizia con gli stessi effettivi. Al 48′ i neroazzurri reclamano un penalty per un fallo di mano di Ekdal su cross di Juan Jesus. Banti non ravvisa gli estremi per concedere il rigore. Al 51′ rete, giustamente, annullata ad Osvaldo che viene fermato in offside prima di colpire il Cagliari.

 

Al 54′ prima azione della ripresa del Cagliari: i sardi recuperano palla da un corner neroazzurro e si gettano nella retroguardia avversaria con Cossu. Hernanes, in spaccata, salva la porta dal quinto gol.

 

Ora la partita si spegne; i ritmi sono evidentemente calati. Al 68′ girandola di cambi: dentro Icardi per l’Inter e Farias per i sardi al posto di Palacio e Ibarbo. E’ sempre il Cagliari, però, ad andare vicino al gol; al 70′ ci prova il neo-entrato Farias, ma la sfera termina sull’esterno della rete.

 

Un minuto dopo dentro l’ex Primavera dell’Inter Longo al posto di Sau. Al 72′ si fanno vedere Kovacic e Guarin, entrato al posto di Medel pochi minuti prima: entrambi sprecano l’occasione. Al 78′ ci prova Guarin da fuori area, ma Cragno manda in corner.

 

Il possesso palla interista di questo secondo tempo è assolutamente fine a sé stesso. Kovacic e Guarin non sono in grado di illuminare il match e l’1 a 4 non viene mai messo in discussione. Nel finale c’è spazio anche per Joao Pedro che subentra a Dessena.

 

Dopo tre minuti di recupero Banti manda tutti negli spogliatoi. Inter umiliata a San Siro da un Cagliari che, finalmente, incarna le teorie e la filosofia di Zeman. Il Cagliari ha dettato legge a Milano e ha dominato e domato i neroazzurri per almeno 80 minuti. Il pareggio di Osvaldo è stato solo una facile illusione. Ibarbo, Ekdal e Sau sono i top player quest’oggi.

 

L’Inter rimane ferma a quota 8 punti e si vede raggiungere dal Milan, 1 a 1 in trasferta a Cesena, e rimontare dal Napoli, vittorioso 1 a 0 contro il Sassuolo.

 

Quella che inizierà tra poche ore sarà una settimana molto importante per la troupe di Mazzarri che giovedì affronterà a San Siro l’Fk Qarabag, fischo d’inizio per le 21.05, e che la sera di domenica 5 sarà di scena a Firenze contro i Viola.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Inter – Atalanta 2 a 0 Serie A quarta giornata, perla di Osvaldo a San Siro

Empoli – Milan 2 a 2 Serie A quarta giornata, quante emozioni al Castellani!

Finale Champions League 2016 San Siro Milano e Euro 2020 a Roma, tutti i dettagli

Chiusura calciomercato Milan e Inter 2014, arrivano Van Ginkel e Bonaventura, sfuma Biabiany e parte Cristante Sintesi

Matteo Torti

Foto: wikipedia.org

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here