Crisi Inter e Milan, analisi e confronto rispetto al 2013, la Champions è lontana

Champions LeagueMilan sconfitto in quel di Genova e Inter rimontata in casa contro l’Udinese dell’ex Stramaccioni. La giornata di campionato che si è appena conclusa è stata a dir poco inquietante per le due milanesi che, proprio nel giorno della festa di Sant’Ambrogio, si sono viste suonare il de profundis dagli avversari. I numeri sono impietosi: 21 punti per i rossoneri, 17 per i neroazzurri. Inzaghi prosegue sul leitmotiv dell’altalena, Mancini non riesce nemmeno a eguagliare il poco fatto da Mazzarri. Il terzo posto sembra un’utopia.

 

UNA GIORNATA DA DIMENTICARE – Era dal 1969 che entrambe le formazioni milanesi non riuscivano a vincere nel giorno degli “Oh Bej Oh Bej”. Quella conclusasi ieri sera con il doppio posticipo del lunedì è stata una giornata assolutamente da dimenticare.

– Milan sconfitto a Genoa e Inter rimontata in casa contro l’Udinese. Due gare che hanno messo in mostra tutte, e sono molte, le lacune delle due formazioni meneghine. Due gare che rischiano di segnare in modo indelebile il prosieguo della stagione.

– Rossoneri sempre in formato altalena che soffrono nuovamente il salto definitivo e non riescono a dare seguito alla bella prova offerta contro l’Udinese e Inter ancora alla ricerca di una propria identità, con Mancini che in tre gare ha uno score di 0,33 punti a partita.

 

MILAN: SEI MENEZ-DIPENDENTE? – La domanda è assolutamente lecita. Anche perchè si sta parlando di una possibile dipendenza rossonera non verso un grande campione, come poteva essere quando i rossoneri vantano attaccanti del calibro di Ibrahimovic, Kakà, Shevchenko o Inzaghi, ma verso un discreto giocatore, nella fattispecie Jeremy Menez, che quando si accende sa regalare attimi di grande calcio, ma nulla più.

– Il Milan, dopo aver deciso che il vero nove della rosa è il francesino ex Psg, ha scoperto di essere incredibilmente dipendente da Jeremy. Quando il francese è in forma, vedasi le prime gare della stagione contro Lazio e Parma piuttosto che la recente sfida contro l’Udinese, l’intera squadra gira, si diverte, gioca, segna e vince. Ma se il francese non si illumina, i rossoneri crollano su loro stessi.

– El Shaarawi è evanescente, opaco, poco brillante e lucido, è un lontano ricordo quel Faraone che incantava tutto e tutti nei primi sei mesi di due stagioni fa. Honda, autore di un inizio di stagione interessante, è presto tornato sui suoi normali e inevitabili livelli.

– Parlare di Pazzini e Niang è pressoché inutile; comprimari con tanta voglia di fare, ma poco supportati dai mezzi tecnici e dalla fortuna. Un capitolo a parte merita Fernando Torres: arrivato come il grande acquisto è diventato, ben presto, un peso più che un valore aggiunto.

– E se ai problemi offensivi si aggiunge un centrocampo che, stagione dopo stagione, si è impoverito dal punto di vista tecnico e si è infoltito di mezzi ex giocatori, vedasi Muntari ed Essien, più inclini “a far legna” che a creare gioco e una difesa sempre più latitante sul fronte della concentrazione, il risultato non può essere questo.

– Una squadra da 5°-8° posto come lo scorso anno dove le uniche note liete sono Diego Lopez, Alex (quando non è infortunato), Bonaventura e Menez. Troppo poco per chi si chiama Milan; troppo poco per chi ambisce ad arrivare nelle prime tre per accedere, anche via Playoff, alla Champions League.

 

INTER: CHE DESOLAZIONE – Veder giocare Nagatomo piuttosto che Dodò sulle fasce che erano di proprietà di Zanetti, piuttosto che Kuzmanovic e Medel nei ruoli che erano di Cambiasso e Stankovic non può che mettere tristezza e delusione. Una squadra si costruisce con acquisti intelligenti, non dando 4 milioni di euro a Mancini dopo averne offerti 3,8 a Mazzarri.

– Le difficoltà partono da lontano e Mancini se ne sta accorgendo. Fortunatamente per lui gode di una infinita credibilità e riconoscenza dal popolo neroazzurro e questo gli ha evitato i primi fischi che, continuando su questo trend, arriveranno impietosi ben presto.

– Un declino continuo e costante a cui anche Mancini non sembra riuscire a porre rimedio. Manca sicurezza? Manca impegno? Mancano interpreti? Tutto vero e tutto falso. Quest’Inter non può vivacchiare nella side b della classifica con soli 6 punti di distanza dalla linea salvezza.

– Il cambio di modulo chiesto a gran voce dai tifosi e imposto da Mancini non sembra sortire gli effetti sperati. Contro Milan, Saint Etienne, Roma e Udinese i neroazzurri hanno subito la bellezza di 8 reti. Troppe per chi vanta in porta un campione del calibro di Samir Handanovic.

– E il caso Vidic rischia di farsi sentire. Il problema del serbo, ai tempi di Mazzarri, era la non abitudine a giocare a 3. Ma perché l’ex United non gioca nemmeno con Mancini e con la difesa a 4? E perchè insistere con lo schierare Kovacic largo in attacco come se fosse un Quaresma qualunque?

 

I NUMERI SONO IMPIETOSI – I numeri, manco a dirlo, sono impietosi. La distanza dalla capolista Juventus, dopo sole 14 giornate, è impressionante: 14 punti in meno per il Milan e 18 di distanza per l’Inter, con i bianconeri che hanno fatto più del doppio dei punti neroazzurri.

– Ma se il primo posto per le milanesi era evidentemente una chimera anche a inizio stagione, la terza piazza era per entrambe un obiettivo più che raggiungibile. Un obiettivo che, ad oggi, vede essere occupato dal sogno Genoa, terzo a 26 punti, con un vantaggio di 5 punti sui rossoneri e di 9 sui neroazzurri.

– Un gap, dirà qualcuno, colmabile sul lungo periodo visto che davanti ci sono squadre come Genoa, Sampdoria e Udinese, ma anche lo scorso anno si diceva la stessa cosa quando davanti alle milanesi trovavamo, a turno, Parma e Torino.

– E se si confronta la classifica di quest’anno con quella della scorsa stagione il malessere non può che aumentare: l’Inter, alla 14° giornata, viaggia con dieci punti in meno di un anno fa. 17 contro i 27 dell’anno scorso, quando i gol segnati erano 31 e quelli subiti 14 (oggi siamo a 21 fatti e 21 incassati).

– Poco meglio ha fatto il Milan passato dai 17 punti dello scorso anno ai 21 di questa stagione. Ma le prossime due sfide, ricordiamo contro Napoli e Roma, rischiano di peggiorare anche il rollino di marcia del Diavolo che, da qui a Natale, rischia di essere risucchiato a metà classifica.

 

IL SALVAGENTE MERCATO – Entrambi, almeno fino ad adesso, hanno deluso le attese. Il Milan da Inzaghi si aspettava molta più grinta e foga agonistica; l’Inter da Mancini si attendeva subito risultati. Non è arrivato niente di tutto questo. E allora? Cosa fare?

– Non resta che aspettare l’apertura del calciomercato di riparazione sperando di trovare qualche scontento di rilievo o qualche svincolato interessante a cui affidare il rilancio nel girone di ritorno.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Inter – Udinese 1 a 2 Serie A quattordicesima giornata, altra delusione per Mancini

Genoa – Milan 1 a 0 Serie A quattordicesima giornata, Antonelli batte i rossoneri

Nations League, dal 2018 un torneo di 10 mesi per 52 nazionali, lanciato dalla Uefa

Rivoluzione FIGC in Serie A, rose di 25 giocatori e maggiori investimenti sui vivai nazionali

Anteprima Milan Inter Derby 23 novembre 2014, analisi, precedenti, probabili formazioni, curiosità

Mazzarri esonerato Inter, Mancini nuovo allenatore. Compenso, dichiarazioni, racconto della giornata

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here