Petizione difesa olmi viale Mac Mahon Milano, modulo da scaricare e programma comitato

5.000 firme per dire no all’abbattimento dei 180 olmi di viale Mac Mahon a Milano. 5.000 firme per chiedere al Comune la salvezza degli alberi e per chiedere il mantenimento dei tram. 5.000 firme per chiedere ad ATM di rivedere i suoi piani di intervento in modo che possano essere salvaguardati tutti gli alberi e possano essere ripristinate, nel contempo, le rotaie del tram attraverso interventi specifici e diretti solo sui pochissimi alberi le cui radici creino effettivi problemi alle rotaie. Questo senza abbattere alcun albero, ma intervenendo sulle radici in maniera mirata.

 

“La petizione promossa dal comitato civico di tutela degli alberi di via Mac Mahon ha raggiunto in tempi record l’obbiettivo delle 5.000 firme, ma non si ferma – ci spiegano gli organizzatori del comitato. – Infatti nei prossimi giorni la raccolta continuerà ancora porta a porta, nei mercati e nei teatri, almeno fino alla prima settimana di luglio. Poi le firme saranno portate a Palazzo Marino”.

 

Nel frattempo il comitato si prepara all’imminente confronto in sede di Commissione Ambiente della Zona 8, mercoledì prossimo, dove interverrà l’assessore all’Ambiente e Viabilità del Comune di Milano, il giovane Pier Francesco Maran.

 

L’appuntamento in questo caso è per il 26 giugno dalle 21 alle 23 presso il consiglio di zona di via Quarenghi e, durante l’incontro, verrà presentata la proposta emersa dal volere dei cittadini.

 

Giovedì 27 giugno 2013, inoltre, alle ore 11 si svolgerà un sopralluogo della Commissione Ambiente del Comune di Milano proprio in viale Mac Mahon, nel tratto compreso tra piazza Diocleziano e via Monte Ceneri.

 

In questo caso l’appuntamento per i cittadini è alle 10.50 all’angolo tra via Mac Mahon e via Principe Eugenio, luogo dal quale si muoveranno anche i commissari.

 

“Mi pare che si sia ad un punto di svolta – ha commentato Lorenzo Croce, coordinatore del comitato civico. – Noi andiamo avanti per la nostra strada; le nostre proposte sono supportate dai nostri esperti, primo tra tutti l’architetto Giuseppe Boatti, e sono chiare.  Si devono salvaguardare i filari degli alberi e anche i tram.

 

“Ovviamente aspettiamo di capire quali saranno le proposte definitive – prosegue Croce, – ma noi non facciamo un passo indietro rispetto alle nostre idee. Vogliamo che si intervenga solo dove è necessario e senza ovviamente tagliare un solo albero, su questo ci siamo impegnati con i cittadini che, mi pare, ci abbiano sostenuto in maniera plebiscitaria e quindi saremo presenti sia in fase di proposta, ma anche in fase tecnica, per dare il nostro contributo durante tutto il periodo dei lavori.

 

“Ora ci aspettiamo aperture significative da parte del Comune e da ATM, – conclude Croce, – che non possono certo ignorare la nostra posizione né, tanto meno, quella del Consiglio di Zona 8 e della sua Commissione Ambiente, che rema nella nostra stessa direzione”.

 

SCARICA IL MODULO – Per scaricare il modulo della petizione, CLICCA  sull’immagine

– ulteriori informazioni 347-888.35.46 oppure 392-65.52.051

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rifiuto pass preferenziali Enpa Milano, il Comune elimina gli automezzi del soccorso per animali dalle categorie esentate

Area C Milano, ci sono le deroghe ma non per i volontari della Croce Rossa

Protesta agricoltori Milano Cascina Zerbone, Comune vuole la costruzione di 830 appartamenti sui terreni degli ultimi produttori di latte di Milano

Volontariato Milano, Comune assegna oltre 200mila euro al Ciessevi del quale era presidente l’assessore Granelli, ma continua a negare l’esenzione di Area C ai volontari della Croce Rossa

 

 

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. PREGEVOLE L’INIZIATIVA
    ma poco efficace………..

    per renderla più efficace, le firme bisogna raccoglierle
    per tutto Milano.
    non tanto per gli alberi
    ma perchè venga a dimettersi l’intera giunta arancione sinistroide
    e tutti i seguaci che occupano i cardeghini.

    Perchè il problema degli alberi ( pur importantissimo )
    rispetto agli altri è il minimo.

    Vuoi salvare gli alberi ?
    Salva alllora Milano agli arancioni !!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here