Autovelox fissi su strade provinciali di Milano, a Natale forse saranno già attivi

LA NUOVA BUFERA – Dopo le polemiche scatenate per le decisioni sui limiti della Milano-Meda e sull’ordinanza catene da neve/gomme invernali, sulle spalle degli automobilisti sta per arrivare una nuova zavorra: l’ultima idea dell’Assessore alla Viabilità, Giovanni de Nicola, è quella di installare una decina di autovelox fissi sulle principali provinciali di Milano.

 

IL PROGETTO – L’idea allo studio di Palazzo Isimbardi è quella di installare autovelox fissi che possano quindi scoraggiare il continuo superamento dei limiti di velocità facendo leva sul pericolo multa; inoltre è evidente come i dispositivi fissi siano più difficilmente scovabili da parte degli automobilisti, non essendoci la necessità di agenti in loco che ne segnalino la presenza. «Nel momento in cui i cartelli che indicano i limiti di velocità vengono bellamente ignorati diventando inefficaci, e continuano a susseguirsi, sempre su certe strade, un numero troppo elevato di morti, diventa necessario intervenire. Ecco – spiega l’assessore Giovanni de Nicola – che gli autovelox rappresentano l’ultima ratio nella lotta che stiamo portando avanti per la sicurezza stradale».

 

IL TEMA DELLA SICUREZZA STRADALE – Il ragionamento che sta alla base dell’attuazione di questo provvedimento è la necessità di continuare a perseguire un miglioramento della sicurezza stradale. Sono 203 le persone morte nel 2009 sulle provinciali milanesi; ed è proprio sui tratti in cui vi sono elevati tassi di incidenti e mortalità che dovrebbero venire installati gli autovelox fissi.

 

LE STRADE INTERESSATE – Qualora il progetto che, per ora, è solo ad una fase di studio, venisse trasformato in un provvedimento concreto, le provinciali interessate dovrebbero essere la Vigevanese, la Milano-Meda ed i tratti provinciali di Pozzo d’Adda.

 

IL CASO DELLA MILANO-MEDA DOCET – Un punto che merita riflessione è il caso della Milano-Meda dove, tra estate ed autunno, sono stati abbassati i limiti di velocità e portati da 110 a 80 chilometri orari. Tale decisione era stata giustificata dal fatto che il manto stradale, a detta della Provincia, era ed è dissestato, e avrebbe quindi potuto provocare sinistri all’utenza della supestrada. Applicando lo stesso ragionamento al nuovo progetto, viene a questo punto spontaneo pensare che se il fine è quello di migliorare la sicurezza stradale, questo obiettivo può essere raggiunto innanzitutto sistemando il manto stradale. Soltanto dopo si potrebbe ponderare di installare evari ed ventuali  autovelox fissi che, a parte provocare una raffica di multe per automobilisti e pendolari, non sono certo risolutivi per il drammatico problema degli incidenti stradali.

 

Leggi anche:

Sospensione ordinanza catene da neve – Podestà dice che il provvedimento è “soltanto” sospeso

Obbligo catene da neve a Milano, Monza, Bergamo, Varese, Como e Lecco, ecco tutte le posizioni

Rinvio obbligo catene a bordo, Podestà rinvia l’attuazione del provvedimento, prevista per il 15 novembre

Annullamento obbligo catene da neve, Podestà potrebbe annullare l’ordinanza, già bocciata da Palazzo Marino

Proteste per obbligo di catene da neve a bordo, una valanga di reclami contro la Provincia di Milano

Obbligo catene da neve o pneumatici termici sulle provinciali di Milano dal 15 novembre 2010

Milano – Meda, sono arrivati gli 80 all’ora

Tutor Milano – Meda, facciamo un po’ di chiarezza sulle telecamerine sui cavalcavia in zona Paderno Dugnano e Cormano

 

Matteo Torti

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here