Furto e ricettazione auto Milano, in via Fabio Massimo e via Cafiero le basi dell’organizzazione sgominata

Dopo lunghe e accurate indagini durate un anno e mezzo, la Polizia Locale ha sgominato due organizzazioni criminali dedite al furto, e che dovranno rispondere di:

 

 

 

 

  • associazione a delinquere,
  • ricettazione;
  • riciclaggio dei veicoli mediante la loro contraffazione.

 

IL GIRO D’AFFARI – Il sistema messo in atto dalle organizzazioni criminali, ora stroncato, fruttava annualmente un giro d’affari illecito per alcuni milioni di euro.

 

LE INDAGINI – Le due diverse operazioni sono state coordinate dal sostituto procuratore Maria Teresa Latella e condotte dagli agenti e commissari del Comando di Zona 4 e del Nucleo Problemi del Territorio della Polizia Locale.

 

IL BILANCIO DELLE OPERAZIONI – Le due operazioni hanno consentito:

  • il recupero di 73 veicoli rubati;
  • la denuncia di 57 persone all’Autorità giudiziaria;
  • l’esecuzione di 8 provvedimenti di custodia cautelare (7 italiani e 1 tunisino);
  • il rinvenimento di attrezzatura utilizzata per compiere i furti di veicoli, per la contraffazione dei telai e per la produzione di documenti di circolazione contraffatti.
  • Sono stati posti sotto sequestro 4 locali adibiti ad officina, nonché 173 motori e 354 cambi;
  • Le indagini hanno consentito anche di scoprire numerose truffe ai danni di alcune compagnie assicurative o ai danni di ignari cittadini utilizzatori o acquirenti di veicoli di provenienza illecita.

 

L’OPERAZIONE “FABIO MASSIMO”

“La prima operazione – ha spiegato il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato – eseguita dal personale del Comando di Zona 4, è partita a seguito di alcune verifiche sull’attività di un’officina meccanica situata in via Fabio Massimo, nella zona sud di Milano. Un’attività priva autorizzazioni e svolta a cielo aperto, con sversamento di olii ed altre sostanze tossiche. All’interno dell’officina sono stati individuati diversi autocarri di provenienza illecita e contraffatti nei loro dati identificativi”. Sono stati arrestati:

  • il titolare dell’officina, Michele Tiano, 63 anni, “capo” dell’organizzazione;
  • Raffaele Pasqualino di Cuonzo, 50 anni, lo “specialista” dei furti;
  • i “meccanici” abili nell’assemblare pezzi e riciclare motori, ovvero Antonio di Nunno, 59 anni, Giovanni Parisi, 63 anni, che era già in carcere, e un latitante tunisino tuttora ricercato, Salah Mohamed Dridi Walid, 34 anni.

 

OPERAZIONE “CENTRO DIREZIONALE” – “La seconda operazione – ha aggiunto il vicesindaco – è stata avviata dal Nucleo problemi del territorio. Il sodalizio criminoso aveva la sua base operativa in un’officina di via Cafiero, questa volta in zona nord, e attuava la maggior parte dei furti in prossimità del centro direzionale, nelle aree utilizzate come parcheggio dai pendolari”. Gli arrestati sono:

  • Roberto Leonardo Caraffa, 46 anni, titolare dell’officina;
  • Antonio Gualtieri, 29 anni, socio dell’officina e complice dei furti dei veicoli;
  • Ignazio Marrone, 36 anni, ricettatore.

 

IL COMMENTO DEL VICESINDACO DE CORATO – Per dare un’idea della sofisticazione del sistema, – ha spiegato l’Assessore alla sicurezza Riccardo De Corato, – basti pensare che per il furto delle auto spesso veniva utilizzato uno strumento chiamato “jammer”, cioé un disturbatore di frequenze radio che permetteva ai ladri di interferire con la chiusura elettronica del veicolo, che quindi, all’insaputa del proprietario, restava aperto. Per le indagini sono state messe in campo le tecnologie più moderne e avanzate come localizzatori satellitari, intercettazioni ambientali e telefoniche. Di fondamentale importanza l’utilizzo delle telecamere del Comune per ricostruire gli spostamenti dei veicoli, il loro ritrovamento e, quando possibile, la quasi immediata restituzione ai legittimi proprietari. Gli agenti hanno operato in collaborazione con altre forze di Polizia, tra le quali anche quella elvetica”.

 

CALO DEI FURTO AUTO NEL 2010 – “Ringrazio il Comandante Mastrangelo, i suoi uomini e il pm Latella che ha coordinato le indagini. Queste due operazioni – ha concluso De Corato – confermano che la Polizia Locale, che opera in oltre 50 ambiti diversi, continua a dare un contributo importante sulla sicurezza. Ricordo che nel biennio 2008-2010 c’è stato un calo del 48% dei reati, come ha affermato l’ex questore Vincenzo Indolfi. Senza dimenticare che lo scorso dicembre il nuovo questore Alessandro Marangoni ha confermato il calo del 9% nel 2010 proprio per i furti d’auto. Siamo dunque sulla strada giusta e queste due operazioni confermano il significativo apporto della Polizia Locale”.

 

Leggi anche:

Arrestati ladri via Rimembranze, due marocchini rompevano i vetri delle auto e rubavano tutto

Derubata dell’auto appena parcheggiata via del Vascello, 60enne costretta a consegnare chiavi del fuoristrada

Arrestati ladri di auto grazie all’antifurto satellitare


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here