Banda rapinatori algerini sgominata Milano, avevano compiuto più di 200 furti con proventi per oltre 1 milione di euro

Dalle prime ore della mattinata, gli Agenti del Commissariato Mecenate stanno dando esecuzione a 23 ordinanze di custodia cautelare in carcere ed effettuando perquisizioni a carico di altrettanti cittadini algerini, facenti parte di un’organizzazione criminale dedita a:

 

 

  • rapine,
  • furti,
  • ricettazione,
  • uso indebito di carte di credito,
  • possesso di documenti falsi.

 

L’INIZIO DELL’INDAGINE NEL 2009 – L’indagine, iniziata nel giugno del 2009, trae origine da una serie di furti compiuti con la tecnica della gomma bucata a danni di stranieri facoltosi, imprenditori ed operatori economici presenti a Milano per concludere affari in vista dell’Expo 2015.

 

L’INVIO DEI PROVENTI ILLECITI IN ALGERIA – I reati erano compiuti per autofinanziarsi e, in particolare, per l’invio dei proventi in Algeria per finalità in corso di accertamento. Pur avendo base a Milano, il sodalizio criminale manteneva contatti con soggetti residenti in Austria, Belgio ed in Francia.

  • E’ stato appurato che i soldi provento dei reati venivano inviati in Algeria attraverso il canale austriaco;
  • allo stesso modo, dai paesi sopra citati venivano inviati a Milano pacchi voluminosi contenenti oggetti rubati all’estero (borse griffate, cinture, telefonini, etc.) che non trovavano mercato in quegli stati ma che erano agevolmente piazzabili in Italia.

 

PROVENTI PER OLTRE 1 MILIONE DI EURO – I colpi messi a segno dall’organizzazione criminale, che hanno fruttato circa un milione di euro, sono stati oltre 200 nel periodo giugno 2009 – marzo 2010.

 

INDAGATI ANCHE 5 ITALIANI – Altri cinque italiani che fiancheggiavano il gruppo (intestatari di motorini ed autovetture, pseudo fidanzate fruitrici del materiale sequestrato, commercianti compiacenti) per le loro attività criminose sono attualmente indagati in stato di libertà.

 

Leggi anche:

Organizzazione recluta clochard per reperire assegni puliti, 8 arresti e 40 indagati

Smantellata organizzazione con oltre 2 milioni di euro di truffe ai privati, 39 milioni di euro di fatture false e 23 milioni di euro di Iva dovuta

Rapine conti online, sgominata banda di hacker che assoldava complici in un liceo milanese


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here