Cinesi condannati Milano per omicidio connazionale nella discoteca Parenthesis, il delitto era connesso al controllo dello spaccio di chetamina

I fatti risalgono al febbraio 2009, quando una spedizione punitiva di cinesi ha ucciso un connazionale 22enne, Libin Hu, per una diatriba connessa allo spaccio di chetamina.

 

L’omicidio, efferato, era stato consumato a colpi di mannaia alla discoteca Parenthesis, dove la vittima stava festeggiando un compleanno; assieme al giovane furono feriti anche altri 5 ragazzi, tutti tra i 20 e i 25 anni.

 

Subito scattate le indagini coordinate dai pm di Milano Silvia Perrucci e Angelo Renna, il 5 marzo 2010, con rito abbreviato, 9 imputati furono condannati fino a 20 anni di reclusione con l’accusa di omicidio.

 

Secondo quanto ricostruito, infatti, il ragazzo ucciso apparteneva ad un gruppo che, attivo nel Cuneese, non avrebbe rispetto un accordo di non belligeranza, entrando in conflitto con la banda rivale che predominava a Milano.


Ora, la prima Corte d’Assise ha condannato a 26 anni tre degli accusati,  tra i quali il mandante dell’omicidio, Goujun Fu.

 

Altri 4 cinesi sono stati invece assolti.

 

Leggi anche:

Rapinati e legati titolari cinesi di bar via Ripamonti, bottino di 11 mila euro

Cinese accoltellato Milano, arrestato connazionale di 17 anni con capelli tinti di rosso

Arrestata banda di estorsori cinesi zona Paolo Sarpi, erano l’incubo dei commercianti

Via Paolo Sarpi, arrestati 6 cinesi che agivano attraverso bische clandestine, internet point e un mercato di schiave orientali

Cinese aggredito e accoltellato Paolo Sarpi ristorante Crown, labbro ritrovato in un cestino del locale. Il titolare dice di non sapere nulla

Rapina ragazzino cinese via Vignati, in 6 lo hanno aggredito per rubargli il cellulare, fratturandogli una mano e uno zigomo


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here