Sciopero benzinai Milano tangenziale 14 – 16 luglio 2012, orari, servizi garantiti e info

La protesta è stata proclamata da Anisa Confcommercio, l’Associazione nazionale che riunisce i gestori carburanti autostradali e delle tangenziali. L’iniziativa annunciata vuole essere “estremamente incisiva” poiché, come spiegato dall’Associazione, “il problema delle tangenziali non è solo milanese, ma riguarda anche altre città: Roma, Napoli e Torino”. I distributori di carburante sulle tangenziali milanesi erogano 110 milioni di litri di carburante all’anno ed occupano 140 dipendenti.

 

 

 

GLI ORARI DELLO SCIOPERO SULLE TANGENZIALI MILANESI – Lo stato di agitazione che interesserà le tangenziali di Milano, e durante il quale le pompe di benzina non erogheranno carburante, si svolgerà nei seguenti orari:

– dalle 22 di sabato 14 luglio fino alle 6 di lunedì 16 luglio

 

LA RIPETIZIONE DELLA SERRATA ANCHE NEI PROSSIMI WEEKEND – La protesta verrà ripetuta anche nei prossimi fine settimana, “fino a quando – afferma Stefano Cantarelli, presidente Anisa Confcommercio – non vi sarà soluzione ad una situazione divenuta ormai insostenibile per i gestori delle tangenziali.

 

I SERVIZI ESSENZIALI GARANTITI – Saranno naturalmente garantiti i servizi essenziali, come il rifornimento di autoambulanze, forze dell’ordine, vigili del fuoco.

 

LE MOTIVAZIONI ALLA BASE DELLA PROTESTA – “Le tangenziali – spiega Cantarelli – sono da considerarsi assimilabili per flussi e servizi alla rete ordinaria di area urbana. Oltre ai fattori generali della crisi che investe tutta la rete autostradale (con la contrazione dei consumi di carburante di oltre un terzo rispetto a qualche anno fa), sono intervenute da ultimo anche scelte commerciali da parte di alcune aziende petrolifere che operano fortissimi sconti di prezzo sulla rete ordinaria”.

– “Si tratta – prosegue Cantarelli – di vendite a tutti gli effetti ‘sottocosto’, con un’ulteriore e drammatica penalizzazione dei consumi nelle aree delle tangenziali che si trovano ad operare senza alcun margine di competitività con una sessantina di punti vendita della rete ordinaria che offrono gli sconti di Eni e di Esso nel fine settimana, senza citare i cosiddetti no-logo sette giorni su sette”.

– “A Milano – conclude Cantarelli – la perdita economica delle stazioni di servizio delle tangenziali è del 50% rispetto ad una situazione precedente già fortemente deteriorata”.

 

AGGIORNAMENTO del 19 luglio 2012: Lo sciopero previsto per il weekend del 20-22 luglio 2012 è stato sospeso. Per tutte le info, CLICCA QUI

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Se cercate consigli per risparmiare sulla spesa dei beni di consumo quotidiani, o desiderate vengano approfondite particolari tematiche economiche, nonché per tutte le vostre segnalazioni e foto circa  foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scrivete a  redazione@croncamilano.it

 Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ognuna delle richieste ricevute, al fine di stare vicino ad ogni cittadino

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni per qualsiasi vostra esigenza economica, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Come risparmiare su carburante, luce e gas, i consigli di CronacaMilano

Aumento prezzo benzina e gasolio, come ridurre i consumi del carburante

Bolletta gas e luce operazione trasparenza, tutte le info per sapere quanto spendiamo

Conto Corrente Base gratis per famiglie disagiate e pensionati, requisiti, modalità di richiesta, pro e contro

Pensione di vecchiaia e anticipata, le novità della riforma Monti e gli esempi pratici per capirle

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. “… sono intervenute da ultimo anche scelte commerciali da parte di alcune aziende petrolifere che operano fortissimi sconti di prezzo sulla rete ordinaria”…
    che ingiustizia vero? vendere benzina sottocosto quando la si potrebbe vendere a 2, 2,5 o anche 3 euro, perché no, continuando a speculare su questioni come la crisi economico-finanziaria globale, le imposizioni dell’Opec, l’aumento delle quotazioni del greggio. Tanto quello che viene venduto “sottocosto” nel fine settimana ce lo fanno scontare con gli aumenti repentini nel corso della settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here