Scontri centro sociale Zam Milano davanti Palazzo Marino: “Pisapia guarda cosa sta accadendo: fai chiudere i cancelli e alzare i manganelli!”

Un rapporto controverso, quello tra i centri sociali milanesi e il Sindaco Pisapia, eletto con una ingente parte di voti raccolti proprio nelle fila di chi, per antonomasia, è tra le fila di autonomi e antagonisti.

 

Tuttavia, le cose cambiano, e gli scontri accaduti ieri proprio sotto Palazzo Marino la dicono lunga sull’evoluzione di un rapporto che, come la pelle di un serpente, sembra ora in mutazione continua.

 

 

Protagonisti della sollevazione i giovani del centro sociale Zam, appena sgomberati e decisi, pertanto, ad entrare nel reverendo palazzo dove, da due anni a questa parte, avrebbe dovuto esserci anche un pezzetto di/per tutti loro.

 

In realtà, forse con una certa sorpresa, gli antagonisti non hanno trovato le porte spalancate, bensì poliziotti e carabinieri che (questa volta non certo in presidi fissi, ma decisamente ‘molto mobili’), erano stanziati e pronti per impedire loro qualsiasi accesso.

 

Subito surriscaldata la situazione, dapprima i ragazzi dello Zam hanno levato slogan inequivocabili:

 

Giù i manganelli“, e “Bravo Pisapia, guarda cosa sta accadendo: fai chiudere i cancelli e alzare i manganelli“.

 

In più fumogeni, spintoni e ben 3 cariche delle forze dell’ordine, seguite da “Pisapia questa la pagherai e la pagherai cara“, e “Dove sei Pisapia? Vergogna, mentre il tuo palazzo Marino è sbarrato come un castello, difeso dai tuoi cani da guardia“.

 

Una volta sedati gli animi, Pisapia ha diffuso agli organi di stampa la propria replica sull’accaduto: “La giunta di Milano ha sempre dimostrato la sua volontà di dialogare con tutti e di favorire la risoluzione dei problemi nell’ambito della legalità. Per questo è inaccettabile qualsiasi prepotenza e violenza davanti alla sede del Comune, la casa di tutti i milanesi. Oltretutto proprio in quel momento dentro il Comune si stava svolgendo un incontro sul tema dell’acqua come bene comune, a dimostrazione dell’impegno di Milano su temi fondamentali per una equa distribuzione delle risorse e per la buona politica”.

 

Leggi anche:

Corteo Dax Milano centri sociali, 400mila euro di danni. E Pisapia cosa dice?

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

Centri sociali Milano: Paolo Limonta, braccio destro di Pisapia, scrive al Questore Savina di non sgomberare le villette occupate in via Apollodoro, ecco il quadro della situazione

Sgombro case Aler Milano, antagonisti occupano il Comune: mentre Pisapia critica il gesto, suo braccio destro chiedeva alla Questura di non sgomberare le villette Aler in via Apollodoro; elenco promesse e smentite della Giunta dal 2011 a oggi

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. PROMESSE ELETTORALI !!!!!!
    ECCO COME IL PISAPI…………
    ha preso il cardeghino.

    ma le promesse il Pisapi……..
    le mantiene solamente con i rom, altrimenti………quelli…..
    gli spaccano il cul….(tuuuuuuut)

    Di fatti, la comunità rom, ha già PIU’ VOLTE VARCATO LA SOGLIA
    della stanza del sindaco, per proporre (ehm, mi correggo ) IMPORRE
    la propria volontà.

    dopotutto…promessa è debito e i debiti….SI PAGANNO

    Peccato che a pagare siano i milanesi, con la sola parola del sindaco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here