Inter Fiorentina 3 a 1, Serie A 36esima giornata

Complice la sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, Leonardo decide di attuare turn-over: fuori Lucio, Nagatomo, Stankovic, Sneijder e Milito e dentro, al loro posto, Materazzi, Chivu, Kharja, Coutinho e Pazzini. Mihajlovic, ex giocatore neroazzurro, si affida al duo Vargas-Cerci dietro all’unica punta Gilardino.

 

Le due squadre iniziano subito forte; la prima occasione degna di nota arriva al 7’, quando Natali perde malamente pallone concedendo la ripartenza a Pazzini, il suo tiro dal limite dell’area finisce sopra la traversa della porta difesa da Boruc. La risposta Viola arriva tre minuti dopo: D’Agostino serve una palla perfetta per Cerci, l’ala supera Chivu e crossa per Gilardino, il tentativo della punta ex Milan si stampa sulla traversa con Julio Cesar battuto.

 

Il match si accende ed all’11’ è ancora Pazzini, l’ex della partita, a cogliere la traversa dopo l’ottimo assist di Coutinho: Boruc decisivo nell’occasione. Altra palla gol al 17’, è sempre Cerci sulla sinistra a creare problemi a Chivu, il primo supera il terzino rumeno e scaglia un bel tiro, l’estremo difensore neroazzurro riesce ad opporsi.

 

Dopo diversi tentativi, il gol dei padroni di casa arriva al 24’: Chivu serve Eto’o, il camerunense, dal lato sinistro, supera Gamberini e vede in mezzo all’area Pazzini, il bomber neroazzurro si gira e supera il polacco Boruc.

 

Passano solo tre minuti ed i padroni di casa servono il raddoppio: punizione dalla sinistra di Eto’o e Cambiasso dal centro dell’area svetta di testa insaccando alle spalle di Boruc.

 

Gli ospiti accusano il colpo e faticano a rifarsi pericolosi; nel finale del tempo, al 44’, rischiano addirittura di subire il terzo gol, fortunatamente Boruc riesce a salvare di piede sul tiro di Maicon dal centro dell’area di rigore dopo un ottimo scambio tra Kharja e Cambiasso.

 

La ripresa inizia con ritmi più lenti, la prima occasione arriva al 53’ quando Gilardino, servito ottimamente da Montolivo, aggira Ranocchia e calcia di poco a lato. Il tecnico della Fiorentina prova a giocarsela inserendo anche Mutu e Santana, il rumeno si fa pericoloso al 60’ con un tiro dalla sinistra dell’area di rigore.

 

L’attaccante rumeno si mette in mostra anche al 71’, quando in semirovesciata cerca di superare Julio Cesar con una palombella, palla di poco sopra la traversa. L’ottimo momento degli ospiti viene capitalizzato al 74’, quando Gilardino, dal limite dell’area, stoppa con la coscia destra e calcia al volo di sinistro: palla in rete e svantaggio ridotto.

 

Palla a centrocampo e fallo di Behrami su Cambiasso; dai 20 metri calcia Coutinho, tiro perfetto sul quale Boruc non può nulla; vantaggio ristabilito e prima rete italiana per il baby talento brasiliano.

 

I Viola non demordono e si rifanno in avanti all’80’: Gilardino si smarca e la passa a Mutu, il rumeno sulla corsa calcia ma trova pronto Julio Cesar; sulla respinta si piomba Montolivo, questa volta è Cambiasso a togliere il pallone dalla rete.

 

Leonardo ottiene tre punti fondamentali più per il morale che per la classifica, tuttavia deve ancora lavorare molto sulla fase difensiva, anche oggi ancora troppo distratta ed imprecisa.

Ora sotto con la Coppa Italia: mercoledì sera a San Siro arriverà la Roma.

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here