Udinese – Inter 3 a 0 Serie A diciannovesima giornata, disastro neroazzurro

Inter-MorattiContinua a deludere l’Inter di Stramaccioni che, dopo aver chiuso il 2012 con un misero pareggio in casa contro il Genoa, torna a casa dal Friuli con una sconfitta e numerosi problemi: nel match di sabato prossimo, contro il Pescara, mancherà anche Juan Jesus – espulso oggi – oltre al già squalificato Ranocchia. E Rocchi? Acquistato come vice-Milito, all’assenza del Principe viene lasciato in panchina fino all’80’. E’ già bocciatura?

 

Il 2013 di Stramaccioni non ha certamente un inizio agevole sul fronte della Serie A: trasferta ad Udine senza Ranocchia, Chivu e Milito. Il primo squalificato per due turni ed i restanti due, invece, fermati da affaticamenti muscolari.

 

Ecco quindi che la formazione scelta dal tecnico romano non può che essere rimaneggiata: Handanovic in porta con, in difesa, arretramento di Cambiasso al fianco di Samuel e Juan Jesus. A centrocampo dentro Jonathan e Pereira sulle fasce con capitan Zanetti, Gargano e Guarin in mezzo. In avanti il duo Palacio – Cassano.

 

Guidolin, invece, vede il ritorno prezioso di Muriel; sarà il colombiano a supportare Di Natale. A centrocampo dentro Basta, Pereyra, Allan, Lazzari e Pasquale. In difesa, davanti a Brkic, spazio ad Heurtaux, Danilo e Domizzi.

 

Dopo appena cento secondi Udinese pericolosa con Lazzari che, dalla sinistra, mette in mezzo un cross insidioso. Cambiasso libera, ma finisce per favorire Muriel che cerca Pasquale. Nulla di fatto in area neroazzurra.

 

Nei minuti successivi succede poco o nulla; le due squadre si studiano e la cronaca si alimenta unicamente di un cartellino giallo, che viene sventolato a Pereira che si rende protagonista di due falli, entrambi ingenui, in pochi secondi.

 

Al 13’ primo “tiro” del Biscione: dai trenta metri ci prova Guarin, ma la sua conclusione è troppo debole. Pochi secondi dopo è Muriel a rendersi protagonista nell’area interista: palla sopra la traversa.

 

Al 24’ episodio dubbio in area friulana: Palacio, lanciato a rete da Cassano, termina a terra. Giannoccaro, però, decide di non optare per il rigore, ma di ammonire l’ex Genoa per simulazione. Il replay mostra chiaramente il volo dell’argentino, che tra l’altro partiva da posizione di fuorigioco.

 

Due minuti dopo ottima punizione di Di Natale che, dai venticinque metri, colpisce la traversa con Handanovic immobile. Al 31’ iniziativa personale di Guarin che viene messo giù da Danilo al limite dell’area. Giallo per il difensore bianconero. Della punizione si incarica lo stesso colombiano: palla che sbatte sulla barriera.

 

Al 36’ grande recupero di capitan Zanetti che, dall’out di destra, entra in area e cerca in mezzo Cassano. Danilo, in ripiegamento, allontana la sfera.

 

E’ questa l’ultima occasione da rete di un primo tempo dove, tra le due squadre, è stata l’Udinese a rendersi maggiormente pericolosa. L’Inter, invece, evidenzia ancora limiti nella fase di costruzione del gioco.

 

La ripresa inizia senza alcun cambio per entrambe le squadre; al 49’ clamorosa palla gol fallita da Jonathan che, tutto solo ad un metro dalla porta, calcia sul palo esterno vanificando l’ottima combinazione tra Pereira, Cassano e Palacio.

 

Al 54’ svarione della retroguardia neraozzurra, ma Di Natale si allunga troppo il pallone. Handanovic, in uscita, sventa ogni pericolo. Due minuti dopo pronta risposta interista con Palacio che, dal vertice destro dell’area di rigore avversaria, calcia un bel diagonale sul quale si oppone Brkic.

 

Ancora Inter pericolosa al 61’ con Palacio che, tutto solo davanti a Brkic, cade a terra e non riesce a superare l’estremo difensore avversario.

 

Proprio quando sembra giunto il momento, per l’Inter, di concretizzare le palle gol della ripresa, arriva il vantaggio friulano: al 63’ serpentina in mezzo al campo di Lazzari e lancio lungo per Di Natale che, di prima, incrocia superando Handanovic.

 

Le tegole su Stramaccioni non finiscono qui visto che al 65’ viene espulso Juan Jesus che ferma Muriel lanciato a rete; giusto il rosso per il difensore brasiliano: il colombiano si sarebbe presentato tutto solo davanti ad Handanovic. Nel match di settimana prossima, quindi, mancheranno lo squalificato Ranocchia e l’espulso Juan Jesus.

 

Della punizione si incarica Di Natale: pallone molto angolato che viene stoppato a terra dallo sloveno. Ancora Totò protagonista al 70’: altro svarione della retroguardia interista; anche in questo caso è Handanovic a metterci una pezza.

 

Al 73’ protesta Di Natale per un presunto contatto, in area interista, con Pereira. Pochi secondi dopo primo cambio per Stramaccioni: entra Duncan al posto di Gargano.

 

La sostituzione non cambia la sinfonia: al 75’ la difesa interista si fa sorprendere da un altro taglio; in precedenza era stato Di Natale, in questa circostanza la rete viene firmata da Muriel. 2 a 0 al Friuli e match in cassaforte.

 

Al 77’ secondo cambio per Stramaccioni che, esagerando, prova il tutto per tutto: dentro, debutto per lui, Tommaso Rocchi e fuori Jonathan, autore di un maldestro errore a pochi centimetri dalla porta in apertura di ripresa.

 

Viene subito punito il tecnico romano: al 79’ palla in mezzo di Lazzari e tap in vincente di Di Natale che firma il 3 a 0. Brutta debacle dell’Inter. All’81’ cambio per Guidolin: entra Maicosuel al posto di Muriel, applaudito dai propri tifosi.

 

Stramaccioni capisce, troppo tardi, che non è il caso di osare troppo e decide di evitare una figuraccia ancora più pesante: fuori Cassano e dentro Silvestre. Dopo pochi secondi, all’81’, Palacio si lancia in contropiede, ma viene fermato in scivolata da Domizzi.

 

Nell’ultima decade non succede più nulla; brutta sconfitta dell’Inter che, dopo aver deciso di radunarsi – ultima squadra della Serie A – solamente il 2 gennaio, impatta contro un’Udinese già fresca ed in forma: 3 a 0 il finale al Friuli.

 

L’Inter tornerà in campo sabato prossimo, alle 20.45 a San Siro contro il Pescara. In quell’occasione ci sarà bisogno di una prestazione decisamente più incoraggiante di quella vista nelle ultime uscite e, ovviamente, dei tre punti. Altrimenti sarà crisi nera: negli ultimi tre match i neroazzurri hanno conquistato solamente un punto, il pareggio ottenuto contro il Genoa.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rocchi va all’Inter, ora si tratta per Sorrentino, Andreolli e Schelotto

Pato lascia il Milan, il Papero va al Conrinthians per 15 milioni di euro

Calciomercato Inter e Milangennaio 2013: Consigli, Llorente, Lampard, Walcott e Cole

Inter: Ranocchia squalificato due turni; Rocchi o Pinilla come vice-Milito; novità per Paulinho e Sneijder

Sorteggi Champions League Milan – Barcellona e Europa LeagueInter – Cluj, elenchi dettagliati

Analisi sorteggi Milan Champions League e Inter Europa League 20 dicembre 2012: elenco gironi, classifiche, info

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here