Juventus Inter 1 a 1 Serie A diciassettesima giornata, c’è solo Icardi

interEra la partita che i neroazzurri più realisti si attendevano. Un match difficile contro una squadra, la Juventus, nettamente più forte e in forma; ma un match in cui vendere cara la pelle. E così è stato: partenza in salita con il vantaggio quasi immediato di Tevez e reazione sempre più vistosa con il passare dei minuti che ha portato al pareggio di Icardi ad inizio ripresa. 1 a 1 il finale; un pareggio che serve più ai neroazzurri che ai bianconeri.

 

Ci siamo. E’ il momento del vero big match di questa giornata. L’assenza di Palacio non spiana la strada a Podolski; al tedesco viene preferito Guarin che occuperà la mediana al fianco di Medel e Kuzmanovic con Kovacic ed Hernanes ad agire alle spalle di Icardi. In difesa, davanti ad Handanovic, spazio per Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus e D’Ambrosio.

 

Di fronte Allegri, in attesa di qualche puntello dal calciomercato, si affida a Vidal alle spalle di Tevez e Llorente, con Pogba arretrato sulla linea dei centrocampisti al fianco di Marchisio e Pirlo. Difesa con Lichtsteiner ed Evra sulle fasce e Bonucci e Chiellini in mezzo. Tra i pali Buffon.

 

Inizia su ritmi molto alti il match. Al 2′ Juventus subito pericolosa con Tevez che trova Marchisio, ma la sua conclusione termina a lato. Risponde Guarin pochi secondi più tardi: tiro a lato.

 

Al 5′ i bianconeri passano in vantaggio: grande giocata di Vidal che serve bene in area Tevez. L’argentino, tutto solo davanti ad Handanovic, non può fallire. Juventus avanti allo Stadium.

 

L’Inter accusa il colpo e fatica a reagire. Al 12′ ci provano ancora gli uomini di Allegri con Vidal, ma la conclusione del cileno finisce tra le braccia di Handanovic. Al 19′ si affaccia nella metà campo avversaria l’Inter: accelerazione di D’Ambrosio e palla per Icardi che viene anticipato da Bonucci.

 

Al 23′ bella chance per Kovacic che riparte bene, ma fallisce tutto al momento di servire Icardi. Al 26′ torna in avanti la Juventus con Llorente: lo spagnolo prova a servire Tevez, ma Handanovic blocca bene in uscita. Pochi secondi dopo è il turno di Vidal: l’estremo difensore sloveno manda in corner.

 

Al 35′ primo vero miracolo del match del portierone neroazzurro: Pogba salta tre avversari al limite dell’area e calcia a tu per tu con lo sloveno. Samir si supera e alza sopra la traversa lasciando nell’incredulità il francese ex Manchester United.

 

Al 45′, senza recupero, Banti manda tutti negli spogliatoi. Allo Stadium finisce sull’1 a 0 per la Juventus un primo tempo assolutamente dominato dagli uomini di Allegri, passati subito in vantaggio grazie a Tevez e che più volte hanno impensierito l’Inter, tenuta a galla solamente dai miracoli di Handanovic.

 

La ripresa inizia senza cambi e, al 48′, con un bel numero di Hernanes che però non riesce a rendersi pericoloso a sufficienza. Al 54′ primo cambio per Mancini: il tecnico jesino lancia Podolski e lo inserisce al posto di Kuzmanovic, poco nel gioco questa sera.

 

Al 56′ Hernanes prova una non specialità della casa: colpo di testa da posizione impossibile su cross di D’Ambrosio. Palla alta. Poco dopo cambia anche Allegri: dentro Morata al posto di uno spento Llorente.

 

Al 64′ l’Inter, all’improvviso, trova il pareggio con la “bestia nera” della Juventus. Mauro Icardi gela la difesa bianconera e supera Buffon sfruttando al meglio una bella apertura di Guarin. 1 a 1 e quinto gol per lui ai bianconeri.

 

Due minuti dopo prima ammonizione del match: Banti sventola il giallo per Icardi. Pochi istanti dopo ammonito anche Ranocchia che, diffidato, salterà la sfida contro il Genoa. Poi ammonito anche Morata che interviene fallosamente su Campagnaro.

 

Ora i ritmi calano vistosamente. Al 77′ Allegri si gioca la carta Pereyra al posto di Vidal, ma gli unici fatti degni di nota sono i provvedimenti disciplinari. All’80’ ammonito anche Juan Jesus che, diffidato, salterà anche lui la partita casalinga contro il Genoa. Poco dopo cartellino anche per Bonucci che salterà la trasferta di Napoli.

 

All’81’ Icardi si divora la rete del vantaggio non sfruttando una bella palla recuperata da Podolski a metà campo. All’85’ Mancini getta nella mischia Osvaldo al posto di Hernanes, ma è ancora Banti il protagonista con una giusta espulsione a Kovacic che entra con il piede a martello su Lichtsteiner. Neroazzurri decimati in vista del prossimo turno di campionato.

 

All’89’, senza più la possibilità di creare occasioni da rete, Mancini toglie Icardi e inserisce M’Vila. Nei minuti finali la Juventus cerca l’assalto, ma manca la gamba e la lucidità per impensierire la retroguardia neroazzurra.

 

Dopo tre minuti di recupero, Banti pone fine al match. 1 a 1 allo Juventus Stadium con il solito Icardi a fermare e gelare i bianconeri. Quinto gol per lui contro la Vecchia Signora e neroazzurri che sorridono per avere iniziato bene l’anno.

 

Complici le sconfitte di Fiorentina e Milan, l’Inter si riavvicina alla side a della classifica salendo a 22 punti e raggiungendo l’Udinese. Ora i cugini rossoneri sono distanti solamente tre lunghezze, mentre il terzo posto che vede appaiati Napoli e Lazio ne dista 8.

 

Tra cinque giorni sarà di nuovo campionato. L’Inter, domenica alle 12.30, è attesa dalla gara casalinga contro il Genoa. Partita non facile visto che mancheranno Ranocchia, Juan Jesus e Kovacic, tutti squalificati.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Podolski all’Inter, carriera e curiosità sul nuovo attaccante neroazzurro

Cerci perso dall’Inter, i neroazzurri puntano su Diarra e Podolski. News e trattative

Cerci al Milan e Torres all’Atletico Madrid, primo colpo del calciomercato 2015 per i Rossoneri

Sorteggi Europa League Sedicesimi di finale Inter – Celtic e Champions League Ottavi di finale

Nations League, dal 2018 un torneo di 10 mesi per 52 nazionali, lanciato dalla Uefa

 

Matteo Torti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here