Occupazione piscina comunale via Botta, è la terza in una settimana; De Corato: “Il vero obiettivo degli antagonisti è alzare l’asticella della tensione”

Occupazioni a singhiozzo sempre più rapide: dopo lo sgombero del 14 febbraio dalla Stamperia Occupata di via Giannone, e il 16 febbraio dallo stabile di via Brunetti, ieri gli antagonisti dei centri sociali hanno organizzato un corteo da Porta ticinese volto fino al carcere di San Vittore, per poi occupare la piscina comunale in via Botta 18.

 

“Sappiamo bene che la risposta potrebbe arrivare presto ma la cosa non ci spaventascrivono gli antagonisti in una nota, –  tutto sommato potrebbe essere divertente essere ‘costretti’ a stare nelle strade durante la settimana della moda. Una cosa è certa: finché ci sgombereranno vorrà dire che per loro siamo davvero un problema”.

 

“C’era da aspettarselo” ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, “ma con la stessa rapidità con cui i centri sociali hanno nuovamente occupato uno stabile, Prefettura e Questura devono intervenire per sgomberare. A questo punto è fondamentale non abbassare la guardia e continuare a dare la stessa dura risposta che è già stata data in via Giannone e in via Brunetti in questi giorni. Ed è un secco ‘no’ allo sciame di occupazioni di stabili pubblici e privati messo in atto dagli antagonisti nella nostra città. Una ‘pratica’ che deve essere adeguatamente contrastata anche nelle aule di Tribunale, dove aspettiamo che vengano istruiti i processi nei confronti dei denunciati dalle Forze dell’Ordine”.

 

“Questi soggetti – evidenzia De Corato – devono essere tenuti d’occhio costantemente. Il fatto che l’ennesimo corteo, che si credeva sciolto senza problemi, si sia invece concluso con una nuova occupazione, la dice lunga sui veri obiettivi degli antagonisti: alzare l’asticella della tensione, usando ogni pretesto per scendere in piazza e occupare edifici. Una ‘prassi’ che non può essere in alcun modo avallata, come fa la sinistra che invece di condannare continua a tacere”.

 

Leggi anche:

Sgombero stabile via Brunetti, De Corato: I giudici puniscano i recidivi

Sgombero stabile occupato via Brunetti, antagonisti sul tetto

Corteo centri sociali Milano per sgombero Stamperia via Giannone, fermati i 50 antagonisti diretti in Questura Sgombero stamperia occupata via Giannone 8, in atto da stamattina

Sgombero bottiglieria occupata via Savona, ecco perché era nata e cosa è successo ieri

gomberato edificio occupato via Savona 18, 7 manifestanti sono al momento sul tetto

Sgombero casa occupata via Savona 18, appello della Provincia e petizione dei residenti

Sgombero Lab Zero scontri polizia e manifestanti

Occupazione via Savona 18, i militanti antagonisti riusciti a penetrare nello stabile rivolgono un appello tramite internet ai minifestanti esterni

Sgombero centro sociale Lab 0 Porta Ticinese, in atto in questo momento

Sfratto Leoncavallo rinviato, tutto fermo per altri 2 mesi

Ragazzo in coma per metanfetamina al centro sociale Leoncavallo, festa di Halloween


Di Redazione

2 COMMENTI

  1. Com’è possibile che nella piscina occupata di Via Botta, nonostante sia chiusa ed abbandonata da 4 anni, ci sia ancora luce ed acqua?
    Ovvio che non se ne andranno da li…hanno tutti i comfort!
    La polizia farà qualcosa?
    Lo spero per gli abitanti della zona.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here