Soldi falsi Milano piazza Meda, marocchino dà 50 euro falsi per pagare una birra

A volte ritornano.

 

E’ proprio di questo giorni la polemica, scoppiata tra le pareti del Comune di Milano, per cui “in base alla campagna elettorale del centrosinistra, un caffè in Galleria deve essere accessibile a tutti”.

 

La frase, nel dettaglio, è stata pronunciata dalla capogruppo del PD in consiglio comunale, Carmela Rozza, a proposito della questione Mc Donald’s, cioè il noto fast food che dovrà “sloggiare” da Galleria Vittorio Emanuele per venire sostituito dall’ennesimo megatore del lusso, questa volta un nuovo multipiano da 8mila metri quadri di Prada.

 

Poco distante dalla Galleria, un marocchino di 26 anni si è seduto al tavolino di un bar e, ieri sera, e non ha ordinato un caffè bensì una birra.

 

Voleva godersi un po’ di tranquillità a ridosso di Montenapoleone e, al cameriere, ha dato una banconota da 50 euro.

 

Purtroppo per lui, però, non ci hanno messo molto per capire che la banconota era falsa: accorso un dipendente il 26enne ha cominciato a correre dandosi alla fuga.

 

Dopo pochi attimi il malvivente è stato intercettato da una Volante di passaggio, i cui agenti sono riusciti a bloccarlo.

 

Una volta identificato, il 26enne è risultato essere già stato arrestato per reati similari.

 

Proceduto alla perquisizione, gli agenti gli hanno trovato addosso 7 banconote da 20 euro. Anche queste rigorosamente false.

 

Per il marocchino sono quindi scattate le manette.

 

Leggi anche:

Milano città per ricchi? Spaccatura in Comune tra nuovi megastore del lusso e chioschi storici costretti a sloggiare

Arresto in ristorante giapponese Milano per banconote false, marocchino in manette dopo tre cene pagate con soldi contraffatti

Arresto marocchino Milano corso Vittorio Emanuele per soldi falsi, ha pagato un caffè con 100 euro contraffatti

Soldi falsi per pagare la colazione piazza Ghirlandaio, senegalese rifila 50 euro fasulli a un barista cinese, poi aggredisce vigili a calci e pugni

Via Torino, fa shopping con 26.000 euro falsi

 

di Redazione