Smog Milano, Area C non migliora l’aria e si va verso un nuovo blocco delle auto

Smog-inquinamentoChe Area C sia attiva, oppure sospesa, la qualità dell’aria milanese sembra non cambiare di una virgola.

 

Dopo, infatti, valori subito alle stelle con l’accensione, lo scorso 15 ottobre 2012, degli impianti di riscaldamento, e il successivo blocco degli Euro 3, il 2013 riconferma il problema e, il nuovo anno, si è aperto con quantità di PM10 (le polveri sottili tanto osteggiate dal Palazzo Marino durante le presentazioni ai cittadini di Area C), ancora oltre i limiti di Legge. E i giorni di sforamento si aggiungono costanti, uno dopo l’altro.

 

Per ora, stando ai valori registrati dalle centraline di Arpa, le giornate con smog alle stelle sono state 6 consecutive; di conseguenza, martedì 15 gennaio 2013 potrebbe scattare un nuovo blocco per la circolazione di tutti i veicoli Euro 3 sul territorio di Milano e provincia, da protrarsi fino al raggiungimento di 3 giorni consecutivi con smog entro la soglia di legge.

 

Intanto, mentre gli ultimi dati hanno registrato 72 mg/mc a Città Studi, 82 in via Senato e 80 al Verziere, a Palazzo Marino la polemica tra sostenitori e oppositori ad Area C non si ferma.

 

Tra i membri della maggioranza, infatti, diventano sempre più pressanti le richieste di estendere il provvedimento (per ora il ticket si riferisce al solo ingresso alla Cerchia dei Bastioni, e quindi ad una superficie di 8 km quadrati, rispetto ai 181,76 km quadrati di estensione complessiva della città).

 

Sul fronte dell’opposizione, invece, si pone l’accento su come Area C si sia evidentemente rivelata inutile per raggiungere il millantato miglioramento dell’aria del quale, sindaco e assessori, si sono fatti scudo per sostenere il provvedimento.

 

Indubbio, comunque, in tutto ciò, è il guadagno portato da Area C per le casse del Comune, la cui stima iniziale era di ben 34 milioni di euro (contro i 4,8 di Ecopass, il precedente provvedimento anti-smog attivo soltanto per i mezzi inquinanti, e non, invece, per tutti i veicoli circolanti in centro, anche se dotati di tecnologie eco-compatibili).

 

Per non sbagliare, infine, con il 2013 Palazzo Marino ha anche aumentato la sanzione per chi non pagasse il pedaggio: attenzione, quindi, a tutti gli automobilisti, poiché essere disinformati, distratti od ‘ostili’ al pagamento del ticket di 5 euro, adesso comporterà una multa di ben 85 euro.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Ticket Area C Milano, corsi Croce Rossa sospesi perché Comune nega esenzioni ai volontari

Area C Milano, smog ancora da codice rosso e il Comune aumenta la multe

Smog e Area C Milano: telecamere accese, ma i limiti sono alle stelle; Pisapia tra i più amati d’Italia? Diteci la vostra

Area C Milano, PM10 quasi 5 volte oltre i limiti e blocco totale Euro 3, ma Palazzo Marino dirama dati entusiasmanti

Smog Milano, Pm10 ancora oltre i limiti, ennesima delusione per Area C, ecco perché

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here