URL dell'articolo: http://www.cronacamilano.it/cronaca/20437-blocco-traffico-milano-9-e-10-dicembre-2011-tutti-i-dettagli-del-provvedimento-antismog-di-pisapia.html

Torna alla home page
Oggi
Il tempo oggi
Max: 25°C - Min: 14°C
Domani
Il tempo domani
Max: 25°C - Min: 17°C

Cronaca

Blocco traffico Milano 9 e 10 dicembre 2011, tutti i dettagli del provvedimento antismog di Pisapia

Negozi aperti fino a mezzanotte, scuole chiuse, abbassamento temperatura edifici pubblici e privati e tutto il resto

Al via da oggi il blocco del traffico totale indetto dal sindaco Giuliano Pisapia. In merito, il Primo Cittadino di Milano ha dichiarato:

 

La decisione di firmare l’ordinanza relativa al blocco del traffico per venerdì e sabato prossimi è stata presa sulla base di fondati motivi di tutela della salute pubblica. I dati delle centraline Arpa per oltre venti giorni hanno infatti evidenziato un superamento molto significativo dei valori massimi consentiti per il Pm10″.

 

“Questi dati e queste previsioni ufficiali – ha concluso Pisapia – indicano quindi il permanere, allo stato, della situazione di emergenza che è alla base, anche giuridica, delle ordinanze in vigore da oggi. Pertanto sono confermati i provvedimenti varati ieri che prevedono oltre al blocco del traffico e la chiusura delle scuole per venerdì 9 e sabato 10 dicembre, anche un piano straordinario di lavaggio delle strade. Confermati anche il blocco dei veicoli euro3 diesel, l’apertura straordinaria dei negozi fino alle ore 24 e le misure per la riduzione di un grado del riscaldamento“. Nel dettaglio:

 

BLOCCO EURO 3 FINO AL 23 DICEMBRE – I diesel Euro 3 senza FAP, bloccati dallo scorso 30 novembre, rimarranno fermi ancora fino al 23 dicembre, giorno di antivigilia.

- il divieto di circolazione durerà tutti i giorni, compresi i weekend e i festivi, dalle 10,00 alle 18

 

BLOCCO TOTALE DEL TRAFFICO, FERME ANCHE LE MOTO – il sindaco ha stabilito anche il blocco totale di tutti i veicoli per venerdì 9 e sabato 10 dicembre 2011.

- il blocco inizierà alle 10 e terminerà alle 18,

- l’unica deroga è per i veicoli elettrici, per tutti gli altri la circolazione è vietata

- dovranno fermarsi anche le motociclette.

 

RISCALDAMENTO CASE ED EDIFICI PUBBLICI - Palazzo Marino ha confermato anche le misure già in vigore per il contenimento delle temperature dei riscaldamenti degli edifici pubblici e delle abitazioni: le caldaie dovranno essere abbassate di un grado, passando da 20 a 19, con 2 gradi di tolleranza.

 

APERTURA NEGOZI FINO A MEZZANOTTE – I negozi potranno protrarre l’orario d’apertura fino a mezzanotte;

- il provvedimento sarà attivo fino all’11 dicembre su tutto il territorio cittadino,

- fino al 23 dicembre è vietato l’utilizzo di dispositivi che consentono di mantenere aperte le porte d’accesso

 

SCUOLE CHIUSE – Le scuole sul territorio comunale rimarranno chiuse venerdì 9 e sabato 10 dicembre

 

RISCALDAMENTO – Fino al 23 dicembre permane l’obbligo di riduzione di 1 grado centigrado delle temperature.

 

LAVAGGIO DELLE STRADE – Fino al 23 dicembre sarà effettuata la pulizia dei tratti stradali pubblici attraverso interventi straordinari.

 

SERVIZIO STRAORDINARIO ATM IL 9 E IL 10 DICEMBRE 2011 – Atm potenzierà il servizio con 500 corse straordinarie:

- per tutti i dettagli CLICCA QUI

- per ulteriori informazioni è anche possibile chiamare il numero verde di Atm 800.80.81.81

 

INFOLINE DEL COMUNE DI MILANO – Per ulteriori informazioni sulla viabilità, è possibile chiamare il Comune di Milano al numero 02.02.02

 

AGGIORNAMENTO del 11 dicembre 2011, PM10 ANCORA DA ALLARME: I dati delle centraline Arpa hanno registrato valori di PM10 addirittura in aumento nella prima giornata di blocco (venerdì 9 dicembre); anche sabato 10 dicembre il PM10 ha raggiunto livelli superiori alla soglia d’allarme.  Per i dettagli CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Accensione albero Natale Milano piazza Duomo, Pisapia: “Auguro un nuovo anno di felicità per i milanesi”

Conferma blocco traffico Milano 9 e 10 dicembre 2011 e blocco euro 3 fino al 23 dicembre, orari e dettagli

Firme contro Ecopass Milano 12 – 13 novembre 2011: i residenti pagheranno fino a 442 euro, 1305 euro all’anno per chi lavora dentro la Cerchia

Ecopass Milano dal 16 gennaio 2012, tutti i dettagli per cittadini, residenti e commercianti

Ecopass residenti Milano, ecco cosa dovranno fare i residenti per uscire e tornare a casa

Firme contro Ecopass Milano, raccolte 25mila sottoscrizioni: si può fermare il provvedimento


di Redazione

© Riproduzione riservata


    • stef (9-12-2011 alle 12:51): Rispondi

      ma ciao cosa? ridicola.

  1. Francesco (9-12-2011 alle 13:13): Rispondi

    A cosa serve bloccare il traffico in città, se poi vai in periferia e vedi le nubi tossiche uscire dai camini delle varie industrie (vedi foto sopra)? E le auto che circolano in questi giorni di festa, e anche i camion che nei semplici giorni feriali sono incolonnati per ore allo svincolo di viale Certosa, sulle varie tangenziali e autostrade che circondano Milano non inquinano? Forse chi blocca il traffico pensa che lo smog, le polveri e le nubi tossiche non si spostano con il vento ma rimangono in tangenziale, magari vedono le transenne con i cartelli che informano del blocco e tornano indietro… E chi ha comprato l’auto a gpl o metano 6 mesi fa, costretto a cambiarla perché in possesso di una euro 0,1,2 o diesel euro 3? Abbindolato da migliaia di pubblicità dei vari produttori d’auto, o dello stesso comune, che promettevano libera circolazione sempre e ovunque, ora è costretto anche lui a “farsela a piedi”, con le tasche vuote, e l’auto nuova di 6 mesi a casa. Ma Pisapia può star tranquillo, con i nuovi aumenti della benzina, tra poco l’auto tornerà ad essere un lusso che potranno permettersi in pochi, e l’inquinamento diminuirà da solo. ma questa è un’altra favola…

  2. geogeo (9-12-2011 alle 16:33): Rispondi

    oggi ore 7.30 aspettato per ben 18 minuti il primo metrò meno che male che avrebbero aumentato i mezzi quali?

    • STEFANO (10-12-2011 alle 08:19): Rispondi

      per tua informazione il blocco è dalle 10 quindi i mezzi si potenziano da quell’ora. prima di parlare informati bene e non diffondere notizie non vere grazie.

      • andrea riosa (10-12-2011 alle 16:38): Rispondi

        beh, non che sia normale aspettare 18 minuti per un treno …

  3. alessandro (9-12-2011 alle 18:15): Rispondi

    condivido pienamente ciò che è ha scritto Francesco e mio malgrado vorrei aggiungere che, in questi casi di blocco totale, che blocco non è, molto spesso accade che dietro compenso economico molte auto possono comunque circolare liberamente, allora il dubbio rimane….e la domanda nasce spontanea, per circolare basta pagare?
    Troppo facile decidere semplicemente di bloccare il traffico milanese per ovviare al problema dello smog, prima di tale azione bisogna fare uno studio approfondito per non penalizzare i negozianti, i corrieri che consegnano la merce (specialmente di prima necessità come farmaci e alimentari) i lavoratori in genere e i turisti che sono quelli che portano denaro….queste decisioni vengo prese con troppa superficialità.
    Caro Sindaco, per questo e per altri motivi non legati al blocco del traffico ritengo di aver sbagliato a votarla, é un errore che non si ripeterà in futuro.

  4. Monica (9-12-2011 alle 19:54): Rispondi

    Oggi da Saronno sono venuta a Milano, ovviamente in treno. E ok…
    Ho pensato….”ho l’abbonamento per le bikemi, lo userò anche oggi”.
    Già, sarebbe stato bello….peccato che oggi le bikemi NON FUNZIONASSERO. Le colonnine erano tutte bloccate, ma GIA’ dopo le 17 mi è arrivato un sms dove il comune si scusava del disservizio. Ah beh…..allora…….
    In ogni caso, niente bici, prendo il tram.
    In Vincenzo Monti c’erano 21 minuti di attesa per il 27…
    Sono andata a piedi.
    In fondo, una bella passeggiata fa sempre bene………così si respira aria buona.
    Mamma mia che disastro di amministrazione!
    Complimentoni al sindaco e a chi l’ha votato!!!

  5. ANTONIO (9-12-2011 alle 21:48): Rispondi

    CI LAMENTAVAMO MA NON TROPPO E LA RIMPIANGO LA MORATTI…..PISAPIA IN CAMPAGNA ELETTORALE AVEVA DETTO CHE AVREBBE CAMBIATO VITA AI MILANESI….E CI E’ RIUSCITO SUBITO AUMENTANDO I BILIETTI ATM E IL GIORNALIERO DI 1 EURO E 50 IN PIU….E’ VERGOGNOSO HA TAPPEZZATO MILANO DI PARCHEGGI A PAGAMENTO E NON CI SONO PARCHEGGI LIBERI CHE OGNI CITTA’ PER DIRITTO HA E’ SOLO MILANO NON NE POSSIEDE….MA IO DICO GRAZIE SINDACO CON LA CRISI CHE C’E’ LA GENTE GRAZIE A TE NON RIESCE AD ANDARE A LAVORARE E I MEZZI ALTERNATIVI IN PIU’ DOVE SONO? VENIAMO DA TE NEL TUO BEL PALAZZO IN PIAZZA DELLA SCALA A MANGIARE?E A PORTARE I NOSTRI FIGLI PAR I REGALI DI NATALE?E CHI ABITA A MILANO DEVE PAGARE PER ENTRARE ED USCIRE DI CASA? MA NON TI SEMBRA CHE TI FAI UN PO SCHIFO?

  6. STEFANO (10-12-2011 alle 08:17): Rispondi

    voi che siete cosi bravi a parlare e lamentarvi vorrei vedere cosa riuscireste a fare. vi pare sia semplice amministrare una città come milano e i suoi mille problemi? io le manderei tutte a fuoco le macchine soprattuttto quelle dirette in quei maledetti centri commerciali che si intasano di capre come voi. e poi visto che vi lamentate della crisi però i negozi sono pieni di gente perchè certo ai regali non si puo rinunciare eh…li i soldi si trovano sempre, peccato che il natale non è questo.
    chi non vuole votare piu pisapia si accomodi, non vogliamo gente che non sa nemmeno quello che vuole o che ha pensato di volere.
    ma guarda che discorsi demenziali bisogna sentire, ecco perchè l’italia va a rotoli.

    • Timothy (10-12-2011 alle 13:24): Rispondi

      Caro Stefano, é inutile che dice di voler vedere cosa faremmo noi al suo, vostro posto, io non mi sono candidato! Chi si é candidato portando un paniere di soluzioni ai problemi dei milanesi si é rivelato incompetente, non in grado di affrontare al meglio queste problematiche. Si assuma le sue responsabilità ed eventualmente si dimetta.
      I centri commerciali non sono un capro espiatorio, non ci si puó nascondere dietro di essi.
      Ed infine la crisi non vuol dire non avere i soldi per i regali, ma non avere certezze per il futuro.
      La prego di riflettere prima di postare altre sciocchezze

  7. Roby (10-12-2011 alle 10:41): Rispondi

    Sono sempre più senza parole,fanno il blocco selvaggio senza nessun tipo di organizzazione, senza chiedere opinione ai cittadini, e poi le provincie? Appena fuori Milano le auto girano che e’ un piacere, allora a che serve il blocco x i milanesi quando uno da fuori mi scarica addosso le polveri tanto amate e odiate? Dico anche amate xche’ ste polveri, il pm10 20 e 30 fanno comodo a tutti! Le auto ibride esistono da 20 anni!! E i nostri figli Pagheranno, in prima persona con la loro salute. Che schifo. Pisapia, sei un dilettante e finto comunista, i milanesi non sapevano alle elezioni che la tua famiglia e’ una delle più ricche di tutta la lambardia.

  8. Annarita (10-12-2011 alle 15:44): Rispondi

    Ho 72 anni, vivo all’interno della Cerchia e, nonostante quanto scioccamente creduto da tanti, l’indirizzo della mia residenza non mi annovera automaticamente tra i cosiddetti “ricchi”. Difatti, possiedo una modesta auto Euro3 e, indipendentemente dalla mia età, non ho colf, governanti o maggiordomi vari e, la spesa per la mia famiglia (mio figlio è disabile) vado a farla personalmente al mercato di piazza sant’Agostino, ogni settimana, anche d’inverno, quando piove, quando ci sono 3 gradi e così via. Mi accompagna mio marito, di 76 anni, in auto: io non giudo più da tanti anni a causa di una malattia che mi ha colpito soprattutto gli occhi. Ora, grazie a questa sciagurata e inutile iniziativa del sindaco Pisapia, è dal 30 novembre che non riesco più ad andare al mercato, poiché a causa delle terapie mediche che devo fare ogni mattina non faccio in tempo a fare la spesa e tornare a casa entro le 8,30 del mattino (orario di inizio blocco dal 30 novembre al 6 dicembre), né entro le 10 (orario di inizio blocco da 7 al 23 dicembre). Sono quindi costretta, per quasi un mese, a recarmi a fare la spesa quando il blocco è finito, dopo le 18, a fine giornata, quando sono stanchissima poiché malata ed anziana, recandomi per forza in un supermercato ed adeguandomi a prezzi non certo paragonabili a quelli del mercato che, ovviamente, per le 18 è già smantellato da ore. Questo è quello che fa il Sindaco per chi è più debole, ha meno soldi e necessita maggiormente dell’aiuto delle istituzioni? Grazie, sindaco Pisapia, grazie per aver reso ancora più difficile la vita delle migliaia di famiglie come la mia, che con tanta fatica cerca di arrivare a sera ogni giorno. Grazie sindaco.

  9. diandra (10-12-2011 alle 23:49): Rispondi

    Cara Signora Rita mi dispiace che la sua giornata sia piena di problemi però non ho capito, che c’entra euro 3? è a gasolio?Lei non lo dice ,lo so che cambiare
    abitudini ad una certa età è difficile ma le assicuro che i super se non fanno gli sconti non vendono, fanno a gara in questo periodo… se usa internet allora saprà che la spese si può fare anche così, poi fanno le consegne a domicilio
    e non solo i super ma anche gli esercenti dei mercati, non tutti, ma molti lo fanno.
    Signora Rita tutti possiamo avere dei disagi lei per la spesa altri per altro ma mi
    creda bisogna adeguarsi sempre e cercare di cambiare regole se è necessario
    non lo fanno certo per farci un dispetto, almeno Milano in questo periodo è
    diversa vivibile e non caotica.
    Sentendo in giro le reazioni sono in minoranza quelli che si stanno
    lamentando: sorrida, la saluto, buon Natale!
    e

    • Franc (12-12-2011 alle 13:37): Rispondi

      Probabilemente tu non sei mai stato/stata in un mercato in tutta la tua vita. Primo: mi pare ovvio che la signora sia proprietaria di un Euro3 diesel, altrimenti potrebbe circolare. A parte questo, al mercato i prezzi di TUTTI i prodotti sono almeno del 50% più bassi di ciò che si trova ai supermercati, dove frutta e verdura sono proprio i prodotti più cari. Al mecato si trova tutto a 1 euro al chilo o meno, al supermercato è spesso più del doppio, a meno che non ci siano “in offerta”, come da lei detto, pochi prodotti, che comunque non fanno la differenza sulla spesa di una settimana per una famiglia intera. Le consegne a domicilio, inoltre, sono generalmente a pagamento (dipende dal supermercato stabilirne la modalità): se quindi già si spende di più per la spesa in sé, è assurdo spendere ANCORA di più per farsela recapitare attraverso internet, soprattutto se questa non è una scelta ma un OBBLIGO dettato da un provvedimento che ogni volta i dati delle centraline Arpa attestano sia completamente inutile!!! Lo dicano esplicitamente che stanno colpendo gli Euro3 per obbligare i cittadini a comprare un’auto nuova, e chi ci va di mezzo? Non certo chi è nelle fasce reddituali più alte, e magari ha un bel SUV costato l’ira di dio di soldi e inquinante come 5 Euro3 messi insieme! No, i cittadini colpiti sono quelli delle fasce più povere, e non si parla di “cambiare le regole di vita” ma di impedire alla povera gente di vivere nelle piccole esigenze del quotidiano. come diavolo fa una persona anziana a prendere la metropolitana per andare dal medico? E la spesa? Chi ha una famiglia magari composta da 3 o 4 persone, poi si porta tutti i sacchetti in autobus, magari al ritorno dall’ufficio alle 7,30 di sera (ammesso che il supermercato più vicino sia aperto, poiché non tutte le catene fanno orari serali)? Infine, dove ha sentito che le proteste sono della minoranza della popolazione milanese?!? Lei, sinceramente, mi sembra proprio su un altro pianeta: ha presente il danno provocato ai commercianti dal blocco? E la cosa peggiore è che i risultati sono sempre nulli, col PM10 addirittura in aumento nella prima giornata del provvedimento! Povera Milano, continuano a prendere in giro le persone e c’è ancora chi ci casca senza capire niente di niente, ed ha pure il coraggio di dire a chi non sa più come arrabattarsi “Sorrida, buon Natale!” Pazzesco, è davvero pazzesco! Alla signora Annarita, invece, porgo tutta la mia solidarità e dico: coraggio, magari con tutto quanto sta combinando questa giunta, cadranno presto. Resista, l’abbraccio.

Commenta questo articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>