Ecopass Area C Milano, ulteriore estensione chiesta da Legambiente mentre Lega Nord procede con il ricorso

Si terrà alle 18,30 di oggi l’incontro tra il presidente della Provincia di Milano, On. Guido Podestà, e l’assessore all’Ambiente di Milano, Cristina Stancari, convocato dal ministro dell’Ambiente, Corrado Clini. L’obiettivo è quello di affrontare il tema delle politiche di mitigazione ambientale con le Istituzioni locali del nord Italia. Mentre le istituzioni si incontreranno, quindi, per discutere anche il «Protocollo d’intesa» condiviso con i sindaci del Milanese per concertare strategie e provvedimenti contro lo smog, non si fermano i “polveroni politici” suscitati dall’imminente attivazione della nuova Area C, nota anche con l’esplicativo soprannome “Super Ecopass”.

 

DAL 16 GENNAIO 5 EURO DI PAGAMENTO PER TUTTI – Dal 16 gennaio 2011, infatti, per accedere alla Cerchia dei Bastioni dovranno pagare un ticket di 5 euro non più soltanto i veicoli più inquinanti, ma anche gli Euro 4 e gli Euro 5: si passa infatti dal concetto di “pollution charge” (ovvero, “pago perché inquino”), a quello di “congestione charge” (ovvero: circolo, quindi creo traffico e inquino, e di conseguenza pago).

 

LA RACCOLTA DI 25MILA FIRME CONTRO IL SUPER ECOPASS – Il controverso provvedimento non ha mancato, prevedibilmente, di scuotere gli animi dei cittadini, che si sono mobilitati partecipando a raccolte firme e iniziative atte a fermare il provvedimento.

  • In questo senso, grande il risultato riscosso dai gazebo della Lega Nord, dove 25mila persone hanno aderto apponendo la propria sottoscrizione e dire No a un provvedimento ritenuto inutile per risolvere il problema del PM10, e percepito invece come ottimo metodo per “ingrassare le casse comunali”.

 

1300 EURO IN PIU’ PER I LAVORATORI INTERNI ALLA CERCHIA, 440 PER I RESIDENTI, CHE SE PROPRIETARI DI DIESEL EURO 3 DOVRANNO COMPRARE UN’AUTO NUOVA TRA 12 MESI – Secondo quanto rilevato, infatti, saranno oltre 1300 gli euro che si aggiungeranno alle spese di chi si reca ogni giorno all’interno della Cerchia per lavoro, e 442 gli euro che dovranno invece sborsare i residenti per entrare e uscire dalle proprie case.

  • Ancora peggiori, inoltre, la situazione dei residenti proprietari di veicoli Euro 3 diesel: circa 20mila famiglie, infatti, dopo una deroga iniziale prevista per il 2012, a partire dal 2013 se vorranno uscire dalle proprie case dovranno acquistare un’auto nuova, poiché gli euro 3 diesel verranno bloccati completamente.

 

L’INCOSTITUZIONALITA’ DEL PROVVEDIMENTO – Intanto, sulla base delle firme raccolte, la Lega Nord capeggiata da Matteo Salvini ha già avviato un percorso legale, civile e penale.

  • Al vaglio, spiega Salvini, vi è «l’incostituzionalità dell’Area C e del grave danno recato a quella parte di cittadini che non può assolutamente rinunciare all’auto».
  • Inoltre, proprio in questo senso è la stessa Atm  che sta cercando di organizzarsi per far fronte all’aumento esponenziale di passeggeri che, proprio con l’attivazione del Super Ecopass, si riverseranno sui mezzi pubblici, disponibili in numero insufficiente per farvi fronte e, quindi, destinati al collasso.

 

SODDISFATTA LEGAMBIENTE, CHE CHIEDE UN’ULTERIORE ESTENZIONE – Abbastanza soddisfatto, invece, il fronte di Legambiente, il cui presidente Damiano Di Simine chiede addirittura un’estensione del provvedimento che andrebbe affiancato da “una ecotassa supplementare rispetto al pedaggio autostradale che agevoli il trasferimento di passeggeri dalla mobilita’ stradale alla mobilita’ pubblica”.

  • “L’area C – ha concluso Di Simine – e’ sicuramente la misura più avanzata per il governo della mobilità che viene messa in campo in questo momento in una città italiana, e anche rispetto allo scenario europeo. Sarebbe sbagliato opporsi come il centrodestra sta facendo. Noi chiediamo anzi che ci sia poi una progressiva estensione”.

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni sul nuovo Ecopass, è disponibile il numero del Comune di Milano 02.02.02

 

ESPRIMETE LA VOSTRA OPINIONE – Come sempre, tutti i lettori sono invitati ad esprimere la propria opinione sull’argomento trattato

 

Leggi anche:

Ecopass Milano dal 16 gennaio 2012, tutti i dettagli per cittadini, residenti e commercianti

Firme contro Ecopass Milano, raccolte 25mila sottoscrizioni: si può fermare il provvedimento

Ecopass residenti Milano, ecco cosa dovranno fare i residenti per uscire e tornare a casa

Manifestazione contro Ecopass Milano 19 novembre 2011 e raccolta firme online

Firme contro Ecopass Milano 12 – 13 novembre 2011: i residenti pagheranno fino a 442 euro, 1305 euro all’anno per chi lavora dentro la Cerchia

Ecopass Milano dal 16 gennaio 2012, elenco deroghe e veicoli esenti dal pagamento

 

Di Redazione

3 COMMENTI

  1. ma se non si migliorano le infrastrutture pubbliche, cioè i trasporti interni ed esterni alla città come pensate di migliorare la situazione, non invogliate per niente la gente a prendere i mezzi se ci mette un secolo a tornare a casa e in più schiacciati come sardine. La distinzione del costo del biglietto a fascia oraria proposta da atm che miglioramento può ottenere? purtroppo nell’orario di punta il numero di utenti sarà sempre lo stesso, non è che al posto di essere in ufficio alle 8.30 posso arrivare alle 11 per decongestionare la situazione. Bisognerebbe inventare un bell’asfalto che assorba lo smog,così forse la situazione migliora per tutti..

  2. Purtroppo ogni commento è inutile e superfluo, le 25.000 firme raccolte da residenti e commercianti della cerchia sono la migliore risposta a questo provvedimento.
    Questi signori approfittano del fatto che comunque vada si parla sempre, si scrive tanto ma operativamente non si fa nulla.
    Se veramente tutti i residenti ed i commercianti si ribellassero e scendessero in piazza come fanno altre categorie di “tartassati” l’opinione pubblica evidenzierebbe di più il provvedimento assolutamente anticostituzionale.
    Nell’attesa della pronuncia dei tribunali se non si vuole pagare per rimettere l’auto nel proprio box dopo una giornata di lavoro è bene munirsi di nastro adesivo nero e comprire i numeri di targa prima di passare sotto le telecamere per poi toglierli pochi metri dopo. (ma a differenza di chi ci governa siamo persone oneste e sono convinto che nessuno di noi attuerà questo rimedio !!!)

  3. Di chiacchiere se ne fanno tante e di dati imprecisi e insufficienti ne abbiamo abbastanza…Il punto è che non si può pagare per tornare a casa propria!
    Io non li ho votati questi falsi salvatori della patria che aggiungono tasse su tasse e voi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here