Occupazione stabile via Comacchio Milano zona Corvetto, i 16 nuclei sudamericani sgomberati da via Neera occupano il quartiere Mazzini

Appello dell’Aler alla Questura milanese ma anche a tutte le altre forze sociali affinché i sedici nuclei familiari che, nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 luglio 2012, hanno occupato uno stabile del quartiere Mazzini (zona Corvetto) in via Comacchio, vengano fatti sgomberare immediatamente.

 

Già allontanati dallo “Stadera” di via Neera lo scorso giovedì 19 luglio 2012, i sudamericani – appoggiati a quanto pare dagli attivisti del centro sociale “Cantiere” – sono riusciti ad introdursi nello stabile approfittando dell’assenza di altri inquilini, in vista di interventi straordinari di riqualificazione dell’edificio che sarebbero dovuti partire a settembre.

 

L’abitazione, infatti, fa parte del “Contratto di quartiere” al Mazzini, un’importante opera di recupero economico ed edilizio che vede interessate anche altre aree cittadine come Gratosoglio, Molise Calvairate, Ponte Lambro e San Siro.

 

Nato come quartiere Regina Elena, l’attuale quartiere Mazzini è uno storico insediamento popolare costruito tra il 1926 e il 1929. Quella che allora era solo una zona periferica è diventata, col passare degli anni, una delle più popolose della città, incorporando al suo interno tutte le contraddizioni che caratterizzano un tipico quartiere metropolitano multietnico.

 

Secondo il comunicato dell’Aler, l’occupazione, oltre ad essere un “abuso illecito degli spazi pubblici e l’ennesimo sfregio alla città e a i suoi abitanti”, compromette l’opera di riqualificazione di spazi urbani altamente bisognosi di interventi non solo architettonici ma soprattutto sociali. E’ perciò fondamentale contrastare anche “l’azione prevaricatrice di alcuni centri sociali”, come in questo caso il “Cantiere”, che con le loro azioni-rivendicazioni complicano la promozione del territorio, obiettivo primario del “Contratto di quartiere”, di zone cittadine che ne avrebbero immensamente bisogno per il loro rilancio.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso ricevuto, per dar voce direttamente ai cittadini, che potranno raccontare i propri disagi quotidiani senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Abusivi via Marconi Milano, la protesta di un lettore: in ogni appartamento fino a 8 abusivi e il palazzo è diventato una discarica

Degrado via Padova Milano, segnalazione e foto di una lettrice disperata: Sono stata più volte aggredita e insultata sanno che qui non ci sono i controlli e fanno quello che vogliono

Degrado via Farini e piazza Pasolini Milano, un lettore segnala venditori abusivi, ubriachi, giardini comunali usati come latrine e vigili che passano, vedono e vanno oltre

Rom via Negroli – Corsica Milano, la città sa cosa sta succedendo?

Rom Milano via Inganni, Lorenteggio, Gonin, Giambellino e piazza Tirana, lettore disperato descrive furti, rapine, minacce e aggressioni continue anche ai ragazzini

Rom Milano quartiere Rubattino, la protesta di una residente a CronacaMilano: abbiamo paura per i nostri figli

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here