Occupazione capannone via Olgiati, è il 15esimo edificio pubblico occupato dai centri sociali

Solo pochi giorni fa è stato il turno del palazzo in via De Amicis 16, proprietario di una ex banca e abusivamente trasformato dagli antagonisti dei centri sociali nella “Casa dello Sciopero”.

 

Adesso, invece, all’indomani del 28esimo rinvio per lo sgombero del Leoncavallo, è toccato a un capannone di via Olgiati, in zona Barona: qui i centri sociali hanno piantato la nuova bandierina.

 

“A distanza di appena quattro giorni dall’occupazione dello stabile di via De Amicis, i centri sociali hanno preso possesso di un’altra struttura che si trova in zona Barona. Questa strategia dell’occupazione va subito fermata – ha commentato il vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

 

“Ora il ministro Maroni, il Prefetto e il Questore, diano un segnale di ripristino della legalità. Questi posti vanno immediatamente sgomberati. Basta con i ricatti, – ha proseguito il vicesindaco – non si può rimanere fermi a guardare mentre questi personaggi indisturbatamente marcano i diversi territori cittadini. Con questo, infatti, salgono a 15 gli edifici pubblici e privati occupati abusivamente dai centri sociali.

“L’occupazione – aggiunge De Corato – è l’ennesima dimostrazione che i centri sociali si fanno beffe del diritto di proprietà, che è tutelata dall’articolo 42 della Costituzione. E stanno continuando ad occupare: una situazione ancor più intollerabile se si pensa che per alcuni c’è già stata una sentenza del Tribunale.

 

“Basti dire che il Comune aspetta ancora l’esecuzione della sentenza di sfratto emessa dal Tribunale lo scorso ottobre nei confronti del Cox – ricorda il vicesindaco.

 

“Situazioni del genere però non sono le uniche – conclude De Corato, –  tant’è che gli ufficiali giudiziari puntualmente prorogano gli sfratti, anziché eseguirli, in quanto privi di forza pubblica. Proprio sabato al Leoncavallo è stato rinviato per la 28esima volta lo sgombero, senza dimenticare i 45 accessi infruttuosi al Circolo dei Malfattori”.

 

Leggi anche:

Occupazione palazzo via De Amicis in pieno pomeriggio, intanto a pochi metri di distanza altri 250 ragazzi lottano, ma nel Gran Premio di Matematica

Occupazione via Molise, sono 14 gli stabili occupati dai centri sociali, ecco dove

Foto manifestazione studenti e Fiom Milano Cairoli e P.ta Venezia

Foto manifestazione studenti Milano, lancio uova, sassi, petardi, scritte spray e cestini incendiati

Foto manifestazione Milano 17 novembre 2010 No Gelmini Day

Danni manifestazione No Gelmini day, 150 mila euro tra muri imbrattati, vetrate distrutte e altro


Di Redazione

3 COMMENTI

  1. il capannone era ritrovo di eroinomani e ci vivevano zingari autori di diversi furti di automobili in zona, gli occupanti hanno ripulito e sistemato due palazzetti abbandonati. Appena avranno finito di ristrutturare, De Corato (che tra l’altro nell’ambiente è noto per non lavarsi) li caccerà perchè è più facile bullarsi con 4 ragazzetti piuttosto che sistemare le cose quando c’è di mezzo droga e furti aggravati…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here