Decreto salva Montenapoleone Milano, nessun limite per lo shopping in contante dei turisti in Montenapo

Dal febbraio 2012 è entrata in vigore la norma contenuta nel Decreto Salva-Italia, che fissa a 1.000 euro la soglia massima al di sopra della quale non è possibile effettuare transazioni in denaro contante. Con questo provvedimento il Governo Monti intende combattere il fenomeno dell’evasione fiscale e favorire un maggior utilizzo di strumenti di pagamento elettronico, come carta di credito e bancomat.

 

Fin qui tutto normale se non fosse che la limitazione al contante introdotta dall’Esecutivo lo scorso dicembre ha scatenato le proteste dell’Associazione dei commercianti di via Montenapoleone, che si è subito affrettata a inviare una lettera al premier Monti nella speranza di trovare un accordo sulla questione. Il risultato di questo botta e risposta è che nel Decreto sulle semplificazioni fiscali è comparsa una deroga, che consente ai turisti stranieri in possesso di regolare passaporto di pagare in denaro contante anche cifre superiori a 1.000 euro.

 

Secondo Guglielmo Miani, Presidente dell’Associazione di via Montenapoleone, il provvedimento così come originariamente formulato dal Governo era suscettibile di limitare lo shopping dei turisti stranieri nonché di deprimere gli acquisti, già peraltro abbastanza compromessi dal provvedimento Area C (per saperne di più, clicca qui) nonché dagli esorbitanti aumenti, gravanti sui commercianti, a causa della COSAP. Il motivo? Nelle vie del Quadrilatero della moda milanese i turisti – soprattutto russi e cinesi – desiderano pagare i loro acquisti rigorosamente in denaro contante. Se, quindi, il conto degli acquisti supera i 1.000 euro, preferirebbe non acquistare nulla piuttosto che utilizzare la carta di credito o il bancomat, magari facendo shopping in altri Paesi europei dove vigono obblighi meno stringenti.

 

L’introduzione della deroga nel Decreto sulle semplificazioni fiscali, prontamente ribattezzato “Decreto salva-Montenapoleone”, è stata accolta con evidente contentezza da parte delle blasonate boutique del centro, che, a detta di Miani, basano l’80% del loro fatturato complessivo proprio sulle spese folli dei turisti stranieri. “Siamo molto soddisfatti nell’apprendere che il Governo stia valutando una deroga al limite dei mille euro in contanti. – ha dichiarato Miani. – Ci sembra una forma di apertura verso la richiesta di cui ci eravamo fatti portavoce quando ci eravamo rivolti al premier Monti per chiedere proprio che i turisti stranieri venissero esclusi da una norma che rischiava di penalizzare moltissimo la nostra competitività”.

 

Se riceverà l’approvazione del Consiglio dei Ministri, la deroga consentirà ai commercianti di ricevere pagamenti superiori ai 1.000 euro, a patto che depositino entro due giorni dall’acquisto la somma così incassata e forniscano alla banca anche una fotocopia del passaporto del turista. Una procedura che, secondo le intenzioni dell’Associazione di via Montenapoleone, servirà a scoraggiare eventuali operazioni di riciclaggio, escogitate dalle organizzazioni criminali con la complicità di qualche straniero compiacente.

 

Leggi anche:

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, l’intervista di Cronacamilano

Gazebo contro Area C Milano piazza Cordusio fino al 15 marzo 2012, firmare per dire No

Protesta precari del Comune di Milano, la giunta Pisapia ha bloccato le assunzioni, chiedono giustizia

Abbonamenti gratuiti Atm per precari Milano, oltre 4mila richieste per 1600 abbonamenti, petizione

Smog Milano alle stelle ma porte dei negozi ancora aperte, ecco le foto

Blocco circolazione Euro 3 Milano e hinterland dal 14 febbraio 2012 e negozi con porte chiuse

Viabilità Milano, boom di motorini e fuga delle auto: moto e scooter non inquinano?

Area C Milano, smog sopra i limiti da 7 giorni e allarme dei commercianti, “Toglietela!”

Area C Milano commercianti in ginocchio, ‘Ingressi agevolati per giovedì dello shopping’


Francesco Tempesta

1 COMMENTO

  1. Questa deroga è palesemente anticostituzionale perchè dal lato del consumatore discrimina tra i cittadini Italiani e Stranieri…… siamo alla follia da quando un cittadino Straniero sia esso turista o meno, ha più diritti di un Italiano!!!!!???
    Ma possibile che nessuno qui in Italia solleva delle obiezioni su un fatto così macrospicamente illegittimo e senza senso?
    Oltretutto la norma viola anche il diritto di quei commercianti che non trovandosi in via Montenapoleone sono assogettati invece alla norma restrittiva……e perchè mai!!??….e quindi in ultimo viola il principio della libera concorrenza sancito dalla costituzione.
    Perchè il mercato del lusso di via Montenapo, deve avere delle deroghe dal momento che è proprio lì che si misura la VERA EVASIONE dei potenziali soggetti ???
    Qual’è la ratio di un simile provvedimento? Forse che l’evasione in Via Montenapoleone non deve essere contrastata?
    Siamo d’accordo che non interessa nessuno sapere come un turista straniero ha preso i suoi soldi oltre la soglia, ma di fatto la norma si presta ad un facile aggiramento crea una zona franca dove chi ha contatti con stranieri può far facilmente far aggirare la regola anche per gli Italiani.
    Allora ritorna ancora una volta il sospetto che si è voluto fare il favore a qualcuno;
    Il trucco è sempre quello legiferare su una questione apparentemente legittima per poi introdurre il solito cavallo di Troia a favore di qualcuno…..
    Ed a proposito degli Stranieri, Monti sa benissimo che la maggiorparte dei turisti di Montenapo stranieri sono Russi,Giapponesi,Americani,Francesi,etc che sono largamente abituati a comprare con denaro elettronico anche per le piccole spese…quindi il problema è in realtà un falso problema che nasconde la malafede da un lato dei commercianti di Montenapoleone, che tra l’altro sono gli unici a non vedere mai la crisi, dall’altro del Governo che sa benissimo che tipo d’interessi va a difendere ( ….e non certo quelli della lotta all’evasione)
    Grazie a Monti per averci fatto capire ancora una volta quale tipo d’interessi difende, altro che lotta all’evasione, qui ci prendono per i fondelli come sempre !!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here