Stupro Milano da piazza Cadorna a Carugate, è arrivato il terzo caso in tre giorni

E’ successo ancora: dopo la 12enne palpeggiata in piena domenica pomeriggio in piazza Armellini, e la 54enne che mentre riposava su una panchina in via Tolstoj è stata aggredita da un peruviano che si è calata i pantaloni e ha tentato di spogliarla, martedì sera è stato il turno di una ragazza di 21anni, che è stata adescata e stuprata senza pietà da uomini di origine romena.

 

L’ADESCAGGIO: DUE ROMENI HANNO ABBORDATO LA VITTIMA, IN PIAZZALE CADORNA – Secondo quanto spiegato dai Carabinieri, la giovane sarebbe stata abbordata dai due uomini verso le 21 circa in piazzale Cadorna.

– i malviventi, di 25 e 35 anni, hanno adescato la 21enne proponendo di passare una serata sui Navigli e, la ragazza, ha accettato di salire sulla Polo a bordo della quale si trovavano i due romeni.

– L’auto, in base a quanto emerso, era contraddistinta dalla presenza di tanti adesivi e per avere al suo interno un passeggino.

– Il 25enne, infatti,  residente a Gessate, e’ poi risultato essere padre di famiglia. Sposato anche l’amico 35enne, residente in provincia di Treviso ma domiciliato presso un’abitazione del Comune di Carugate.

 

LO STUPRO, LE BOTTE, LA VIOLENZA BRUTALE DEI DUE UOMINI – Approfittando della fiducia della 21enne, che potrebbe essere una cittadina svizzera scomparsa da casa da pochi giorni, portatrice di un deficit mentale secondo i medici “non evidente ma plausibile”, i malviventi hanno portato la ragazza non in zona Ticinese, come promesso, ma nelle campagne dell’hinterland, vicino a Carugate, dove l’hanno violentata e picchiata per circa 40 minuti abusandone, secondo quanto riferito dalle Autorità, in modo particolarmente brutale e violento.

 

L’ABBANDONO DELLA VITTIMA, LASCIATA SEMINUDA SUL CIGLIO DELLA STRADA, SOTTO SHOCK – Dopo lo stupro, i due romeni hanno scaricato la vittima abbandonandola nelle campagne, sul ciglio della strada, finché un automobilista di passaggio, residente in zona, l’ha notata sdraiata a terra e priva di biancheria intima.

– L’automobilista ha immediatamente chiamato i soccorsi, mentre la giovane era cosciente ma in stato di shock.

 

I MALVIVENTI SI SONO SEPARATI TRANQUILLAMENTE, PER TORNARE A CASA – Nel frattempo, i due stupratori si sono allontanati dividendosi.

– Il 35enne si sarebbe dileguato in auto, mentre il piu’ giovane sarebbe scappato a piedi, chiedendo poi un passaggio ad una auto fino alla fermata di metropolitana piu’ vicina: Bussero.

 

LA SVOLTA: UNO DEI ROMENI HA CHIESTO UN PASSAGGIO AD UN AUTOMOBILISTA – A portare alla cattura dei due rumeni e’ stato l’uomo che ha dato il passaggio al 25enne: dopo aver lasciato quello che credeva essere un semplice autostoppista, tornando a casa ha visto i soccorsi e i Carabinieri vicino a casa e si e’ fermato incuriosito.

– Venuto a conoscenza dell’accaduto ha subito riferito di aver accompagnato il romeno a Bussero, cosicché i Carabinieri si sono precipitati sul posto indicato.

– Lo stupratore è stato quindi avvistato e fermato dai militari mentre  aspettava l’ultima metropolitana della sera, attorno alle 23.30.

 

LA CATTURA – Il secondo malvivente e’ stato trovato nella propria casa, vicino all’auto riconosciuta perche’ dettagliatamente descritta dalla vittima.

– Preziose per la cattura sono state tutte le indicazioni fornite ai militari dalla ragazza, che ricordava con precisione i due uomini, uno dei due privo dell’indice della mano destra, particolare che ha aiutato il riconoscimento.

 

IL RICOVERO DELLA GIOVANE E IL MISTERO DELLA SUA IDENTITA’ – I Carabinieri hanno spiegato che si dovra’ attendere qualche giorno per sottoporre le foto dei due uomini alla giovane, al fine di ottenere la conferma definitiva.

– La vittima, dopo una visita alla clinica Mangiagalli, e’ tuttora ricoverata presso l’ospedale Niguarda per le numerose ferite ed ecchimosi che ha riportato su tutto il corpo, soprattutto sugli arti inferiori.

– Ora si attendono dalla Svizzera informazioni sulla situazione della ragazza: la sua descrizione coinciderebbe con una denuncia di scomparsa risalente a qualche giorno fa.

 

I DELINQUENTI LE AVEVANO ADDIRITTURA PORTATO VIA LA BORSA, PER IMPEDIRLE DI CHIAMARE I SOCCORSI DOPO LO STUPRO – A far pensare che si trovasse a Milano da pochi giorni, anche la borsa che aveva con se’, con pochi oggetti personali, ritrovata a 300 metri dal luogo della violenza: due uomini gliel’avevano sottratta per evitare che chiamasse i soccorsi.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Sicurezza Milano, richiesta eliminazione dei pattugliamenti misti, del Nucleo controllo sui mezzi pubblici e risposte ai centri sociali, ecco cosa succederà a Milano e cosa è stato garantito

Violenze sessuali Milano, in piazza Armellini 12enne palpeggiata in pieno pomeriggio; nella nostra città le violenze sessuali sono aumentate del 45,7% rispetto al 2011

Nuova tentata violenza sessuale Milano via Tolstoj, le aggressioni alle donne sono aumentate del 45,7% rispetto al 2011

Stupro via Giambellino Milano, è il quarto caso in 10 giorni; tra aprile e maggio 26 casi in 30 giorni

Sicurezza Milano, in via Salerno nuova aggressione ad una maestra ma per Pisapia Milano è sicura e vivibile, elenco rapine e stupri ultimi 20 giorni

Stupri Milano, nell’ultimo mese 26 casi di violenza sessuale, 7 dei quali su minori e 19 su maggiorenni, dati

Donna aggredita Milano corso Vittorio Emanuele, palpeggiata nel camerino di un negozio

Tentato stupro via Cenisio Milano, 4 ecuadoriani contro una connazionale

Tentato stupro metropolitana Milano, sbattuta al muro da un senegalese che chiedeva l’elemosina sulle scale

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here