Furto biciclette via Ampere Milano, davanti alla piscina Ponzio, la vittima: “Mi hanno detto che è normale, possibile che davanti una piscina comunale non ci sia né un vigile né un poliziotto?”

Giunta alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) una nuova protesta che vede protagonista, suo malgrado, la piscina comunale Ponzio. Mentre nel primo caso, infatti, nell’ultima settimana di luglio, una lettrice segnalava un caso di droga consumata all’interno della struttura senza nessun intervento degli addetti, questa volta si tratta di un furto di biciclette. In base quanto spiegato alle due vittima, tale atto, purtroppo, sarebbe normale nella zona. Indignata, oltre che giustamente arrabbiata, la lettrice, che si chiede come sia possibile una tale mancanza di sicurezza davanti ad una piscina comunale: “Quali garanzie ha un genitore di mandare il proprio figlio in piscina?”. Nel dettaglio:

 

“DATO IL CALDO, IO E IL MIO COMPAGNO SIAMO ANDATI IN PISCINA, IN PIENO POMERIGGIO, IN SELLA ALLE NOSTRE BICICLETTE” – Buongiorno, ieri pomeriggio (il 14 agosto, ndr), visto il caldo io e il mio compagno abbiamo deciso di trascorrere un paio d’ore in piscina – scrive la nostra lettrice, la signora N.F. – Perr fare prima abbiamo deciso di recarci in bicicletta, in via Ampere, alla Ponzio.

 

DOPO DUE ORE, IL FURTO DELLE BICI, COMPRESA LA CATENA DA MOTORINO CHE LE ASSICURAVA – “Peccato che dopo un paio d’ore (ingresso ore 14 uscita ore 16) – specifica la cittadina ,– con sommo rammarico abbiamo trovato solo l’albero al quale avevamo legato le nostre belle bici, ed era sparita anche la catena da motorino con cui le avevamo bloccate!

 

“LA REAZIONE DELLA GENTE DEL POSTO: E’ ROUTINE, QUI SUCCEDE TUTTI I GIORNI” – “Stupore maggiore – sottolinea ancora N.F., – nel renderci conto che risulta essere normale per la gente “del posto”, sapere che lì, tutti i giorni rubano biciclette! Rabbia maggiore sentirsi dire che sarebbe consigliabile andare a fare denuncia in modo tale che risulti l’accaduto – aggiunge ancora la lettrice, riferendosi al fatto che invece delle denunce di un fatto evidentemente all’ordine del giorno, le Autorità preposte dovrebbero effettuare interventi concreti volti ad impedire tali atti.

 

“POSSIBILE CHE DAVNTI AD UNA PISCINA COMUNALE NON CI SIA NEANCHE UN VIGILE?” – “Direi che se davanti ad una piscina comunale non c’é mai nessun vigile o  un poliziotto o delle ronde di sorveglianza – osserva la cittadina, – oltre allo spaccio di stupefacenti anche i furti non finiranno mai!!!

 

“CON QUALE CORAGGIO UN GENITORE MANDA IL FIGLIO IN PISCINA?!” – “Quali garanzie ha un genitore – chiede inoltre la lettrice –  di mandare il proprio figlio in piscina???

 

“A MILANO PER I CITTADINI ONESTI CI SONO SOLO TASSE, LE GARANZIE SONO SOLO PER I DELINQUENTI” – “Sono sempre più disgustata – conclude la nostra lettrice – dal vivere in una città che pretende tasse dai cittadini onesti, ma garantisce solo i delinquenti”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI– Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

Leggi anche:

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Nuova tentata violenza sessuale Milano via Tolstoj, le aggressioni alle donne sono aumentate del 45,7% rispetto al 2011

Visita Pisapia Navigli Milano e movida, i politici scendono in strada per vedere con i propri occhi la situazione della città. In tutta la città?

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

Degrado parco Testori Milano, la segnalazione di una residente esasperata: “Non sappiamo più a chi rivolgerci”

Degrado via Padova via Arquà Milano, lettera di una residente che scrive direttamente all’assessore Granelli

Di Redazione

Foto donneinazione

2 COMMENTI

  1. Fantastica la foto dell’articolo, complimenti per la scelta!!!!! REnde benissimo l’idea sullo stato di cose nel nosto paese. Siamo arrivati al punto che diventa normale farsi fregare la bicicletta perché tanto nessuno controlla,nessuno si scandalizza, niente di niente. La polizia ti ride in faccia quando fai a vare le denunce. Purtroppo non è una questione che riguarda solo Milano, anzi, qui già si vive bene. Io giro pe lavoro e ne vedo di tutte i colori in tutta Italia, anzi anche peggio!!! AUguri a tutti che ne abbiamo bisogno va

  2. ALTROCHE’ SE E’ NORMALE
    Se a Milano la giunta “arancione”
    ha stanziato ben 6.000.000.00 di €uro per gli zingari e relativa accoglienza

    Se a Milano la giunta “arancione”
    poi non ha i fondi per pagare le rette di degenza nella casa di riposo per gli
    anziani ( MILANESI ) a carico del comune.

    se ti fregano “solo una bicicletta” altrochè se è normale.

    Sorridi dunque, il “sistema” funziona molto bene anche per Lei………

    Di che preoccuparsi ???

    è un modo filosofico, per fare girare l’economia delle dueruote, di biciclette ne vendono sempre.

    Perchè lamentarsi, quando chi tace acconsente e accondiscende allo stato di fatto ????????

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here