Condanna Kabobo confermata in appello: “Era lucido”, danno immagine per Comune di Milano

Sentenza“Se come sostiene la difesa si fosse trattato di finalità patologica perseguita da Kabobo, se costui avesse agito privo di volontà, sostenuto soltanto da impulsi nati, sviluppati e determinati in via esclusiva dalla patologia che s’era impadronita completamente di lui, le sue azioni e il suo comportamento non sarebbero risultati in contatto con la mutevole realtà degli eventi che egli ha vissuto nelle due ore che ha impiegato per completare il suo percorso di sangue. Anche le esecuzioni degli omicidi avrebbero assunto modalità diverse; egli avrebbe fatto scempio delle vittime e non avrebbe compiuto le condotte predatorie”. Lo affermano i giudici della seconda corte d’assise d’appello nelle motivazioni della sentenza con cui in sostanza hanno confermato la condanna a 20 anni di reclusione più tre di casa di cura e custodia a pena espiata per Adam Mada Kabobo, il ghanese che l’11 maggio 2013 ha ucciso a picconate Ermanno Masini, Alessandro Maria Carolè e Daniele Carella e ne ha aggredite altre tre, Andrea Carfora, Francesco Antonio Niro e Antonio Morisco.

Secondo i giudici, il fatto che Kabobo non abbia agito in preda di impulsi non controllabili emerge “dall’osservazione della condotta tenuta dall’imputato e registrata dai filmati dei circuiti di videosorveglianza, dall’esame delle salme delle vittime e dai dati desumibili dall’osservazione specialistica” di Kabobo.

 

“Egli nei filmati non appare in preda ad agitazione psicomotoria; non cerca di nascondersi; non sposta le vittime dal luogo delle aggressioni; si libera della spranga di ferro adoperata all’inizio e impugna un piccone; mette le mani sui fianchi, quasi divertito, quando vede che il Morisco riesce a scamparla riparando dietro al portone e poi riprende la sua strada; focalizza la sua attenzione sul cellulare e sul contenuto delle tasche di Carella non appena si rende conto che costui non è più in grado di frapporre la minima reazione; realizza che sopraggiungono il padre di Carella e il soccorritore e si ferma per riflettere sul da farsi; non fa scempio dei cadaveri, come molto spesso avviene negli omicidi commessi dagli schizofrenici, condotta omicida quella di Kabobo che evidenzia il suo carattere predatorio e di lucidità omicida; fugge alla vista delle Forze dell’ordine perché, come egli afferma, temeva di venire ucciso”.

 

Rispetto alla vicenda, inoltre, il Comune di Milano si era costituito parte civile, ottenendo ora ragione dai giudici: “un omicidio plurimo di grande efferatezza e clamore mediatico diffonde l’idea dell’inefficienza delle attività intraprese” dal Comune “in sinergia e coordinamento con le iniziative del Prefetto e del Questore” sul tema della sicurezza.

 

Per tale motivo, riconosciuto dai giudici il danno all’immagine che il tragico accaduto avrebbe recato alla città, soprattutto in vista di Expo.

—-

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rom e ubriachi Milano Stazione Centrale e ponte Rogoredo, ennesima protesta di una milanese: “Il biglietto da visita per i turisti sarebbero molestie, furti, puzza e ubriachi?”

Lavori Seveso Milano, cominceranno a giugno 2015, durante Expo. Non si poteva iniziare prima?

Furti metropolitana Duomo Milano, prese altre tre borseggiatrici. Cosa succederà durante Expo?

Donna rapinata via Marsala Milano, fucile a canne mozze puntato addosso in piena strada

Nuovi arresti Expo Milano, ecco la fotografia della città che sarà esempio per il mondo

Aggressioni su mezzi pubblici Milano, domenica due episodi a Cadorna e Cascina Gobba. Cosa succederà durante Expo?

Auto rubate Milano da bande italiane e bulgare, aspettavano Expo “per scatenarsi”

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here