Lettera Pisapia ai milanesi, testo integrale e considerazioni: L’Italia guarda Milano, non possiamo deludere l’Italia

Il sindaco Giuliano Pisapia, a due mesi dalla sua elezione a Primo Cittadino di Milano, ha scritto una lettera ai cittadini per spiegare le “scelte difficili” intraprese dalla sua Amministrazione, riferendosi tra gli altri provvedimenti soprattutto all’addizionale Irpef e all’aumento del costo dei biglietti Atm, già partito dallo scorso 1 agosto.

 

Dopo una breve introduzione, Pisapia ha subito chiarito che le “difficili decisioni” hanno avuto fondamentalmente una causa principale: il bilancio “non veritiero” lasciato dalla precedente Amministrazione (cosa che comunque non ha impedito che le spese per le segreterie di ogni singolo, nuovo Assessore siano state ora aumentate da 70mila a 86mila euro).

 

Secondariamente, Pisapia ha parlato anche di un secondo colpevole: il Governo, che “ha spostato nuovi oneri sui Comuni”.

 

Terzo responsabile: il patto di stabilità, procedendo quindi verso un futuro apocalittico con milioni e milioni di euro di debiti, tutti gravanti sulle spalle dell’Amministrazione comunale.

 

Dopodiché, nella lettera segue la lista di benefici dei quali potranno godere i cittadini grazie ai sacrifici comportati dai nuovi aumenti, e l’affermazione risoluta: “Introdurre l’addizionale Irpef era l’unica cosa che la legge ci consentiva di fare”. Come dire: comunque, ancora una volta, è stata una decisione obbligata da terzi, che il Comune non ha potuto che “piegarsi” a prendere.

 

Stesso discorso ribadito subito dopo per l’aumento del 50% del costo del biglietto Atm, secondo Pisapia ancora una volta scelta imposta: “Sul rincaro dei biglietti, che ci è imposto per Legge, eccetera”.

 

Apripista al gran finale è il ribadire la scorrettezza, la falsità e gli imbrogli della precedente Amministrazione, con tanto di estensione del “ribaltamento della realtà” e accusando le Amministrazioni degli ultimi 18 anni di aver fatto difendere le categorie deboli da chi ha sempre fatto gli interessi dei forti, e così via.

 

E tra rave party illegali in pieno centro città (ovvero il “party del buco” svoltosi sabato scorso alle Colonne di San Lorenzo, dove circa un migliaio di giovani hanno ringraziato gridando “Pisapia è anarchia”); la previsione di contributi economici al Leoncavallo mentre invece, per costruire un parco-giochi per bimbi disabili in largo Marinai d’Italia, il Comune ha aperto un bando per cercare sponsor che coprano integralmente le spese; mentre 34 vie nei quartieri più a rischio della città come via Padova e viale Monza sono state private dei pattugliamenti di 350 militari che, in due anni, avevano portato alla diminuzione dei reati del 40%; mentre si accordano incontri con i rappresentanti dei centri sociali (non da ultimo grazie all’assegnazione della presidenza della Commissione Sicurezza all’avvocato storico degli antagonisti di Milano, Mirko Mazzali); dopo aver promesso in campagna elettorale che “Se mi eleggerete salverò piazzale Lavater” anche se, ora, la Giunta ha preso tempo dichiarando di stare “analizzando i documenti per non rischiare risarcimenti ai costruttori”; dopo aver fermato gli sgomberi nei campi nomadi abusivi eccetera, eccetera, eccetera, la lettera di Pisapia si conclude nel più campanilistico dei modi: “Tutta l’Italia guarda a Milano. Non possiamo condannare Milano, non possiamo deludere l’Italia”.

 

Di seguito il testo integrale della lettera:

 

“Sono passati appena due mesi da quando mi avete eletto Sindaco della nostra città. La ricchezza più grande di questa esperienza, quella che non possiamo permettere che vada dissipata, è stata la vostra straordinaria partecipazione in risposta alla mia volontà di ascolto. Ho assunto con voi l’impegno di trasformare Milano e sono certo che è quello che faremo, insieme, nell’arco dei cinque anni che ci aspettano. Oggi che il compito di governare ci impone scelte difficili, eccomi dunque a parlare direttamente con voi e a spiegare le nostre decisioni. Non vi parlo delle tante cose fatte in queste poche settimane, ma affronto un tema delicato come credo sia mio dovere, con chiarezza e trasparenza”.

 

“Non sono state decisioni facili. Conoscete le ragioni: il bilancio che abbiamo trovato era un bilancio non veritiero, le entrate più importanti semplici voci astratte (cessione di quote di società importanti come Serravalle e Sea), come se nel vostro bilancio casalingo ci fosse il corrispettivo del servizio buono di piatti, che però dovete ancora vendere. E i primi a riconoscerlo sono stati proprio i revisori dei conti del Comune che avevano anche informato l’ex sindaco della reale situazione del bilancio comunale. La Moratti aveva annunciato 48 milioni di attivo mentre c’era un disavanzo di 186 milioni di euro. A questo si è aggiunta la manovra del Governo che, per superare le difficoltà dello Stato, ha spostato nuovi oneri sui Comuni. Al Comune di Milano questa manovra costerà 100 milioni di euro. Ma la cosa più difficile sono i vincoli che siamo costretti a rispettare per quello che si chiama Patto di stabilità: se i conti non sono a posto, calano i trasferimenti. E ciò vorrebbe dire per il 2012 altri 90 milioni in meno, oltre all’obbligo di eliminare spese correnti per 353 milioni.

 

Sono cifre impressionanti. Ma dietro quei numeri che possono sembrare astratti si nascondono cose molto concrete: il posto all’asilo nido, il bonus per i bambini, la ristrutturazione della case popolari che oggi sono sfitte e che vogliamo mettere sul mercato, i pasti a domicilio per gli anziani, i contributi attraverso il Fondo anticrisi alle persone in difficoltà. Se non risanassimo, non potremmo nemmeno pagare i fornitori del Comune; dovremmo cancellare lo sportello imprese; non saremmo in grado di sostituire i 42 «ghisa» che a settembre andranno in pensione; saremmo costretti a tagliare il 10% delle corse dei mezzi dell’Atm. Non avevamo molte strade. Non è affatto vero, come qualcuno ha affermato, che avremmo potuto tassare i grandi patrimoni; «castigare» i Suv; far pagare di più chi ha un reddito più alto o intervenire sulle transazioni finanziarie. Il Comune non ha questo potere. Sono le leggi dello Stato a stabilire che cosa si può fare.

 

Introdurre l’addizionale Irpef era l’unica cosa che la legge ci consentiva di fare. L’aliquota dello 0,2%, quella che abbiamo introdotto, è la più bassa tra quelle di tutte le grandi città italiane: a Roma è dello 0,9; a Torino 0,7; a Bergamo 0,6; a Bologna 0,5. Mentre la nostra soglia di esenzione è la più alta del nostro Paese: oltre il 70% dei milanesi non pagherà nulla”.

 

Sul rincaro dei biglietti – che ci è imposto per Legge – siamo stati costretti ad alzare il prezzo del biglietto ordinario a 1,50 euro per evitare ogni aumento degli abbonamenti annuali e mensili, così che chi utilizza regolarmente i mezzi pubblici non dovrà pagare nulla in più rispetto a oggi. Potrà viaggiare gratis chi supera i 65 anni e ha un reddito basso; l’abbonamento studenti è stato esteso a tutti i ragazzi sotto i 26 anni, comprendendo quindi anche i giovani lavoratori, e saranno anche introdotte misure a favore di cassintegrati e disoccupati.

 

Non c’era alternativa e la sofferenza per dover percorrere questa strada mi porta a impegnarmi ancora di più in quello che era già il mio intendimento: una seria e severa lotta all’evasione.

 

Quello che chi ci ha preceduto, nei suoi 18 anni di governo, non ha fatto e oggi noi non siamo disponibili ad accettare lezioni da chi ha impoverito la città e imbrogliato i milanesi. Abbiamo assistito a un surreale ribaltamento della realtà: abbiamo sentito difendere le categorie deboli da chi ha sempre fatto gli interessi dei forti; da chi ha cercato di trasformare una grande capitale morale in una piccola capitale ministeriale.

 

Cari milanesi, avevamo solo due strade: chiudere gli occhi, mantenere il deficit e ipotecare il futuro oppure chiedervi sacrifici, risanare il bilancio e investire risorse per costruirlo, il futuro. Sto chiedendo a tutti voi di fare la vostra parte per dare a Milano il futuro che vogliamo. Tutta l’Italia guarda a Milano. Non possiamo condannare Milano, non possiamo deludere l’Italia“.

 

Leggi anche:

Tagli Comune Milano, cancellati finanziamenti a Polizia locale, anziani, case popolari, asili, scuole e altro, elenco e dettagli

Aumento Atm e tasse Milano, da settembre il biglietto costerà 1,50 euro ma gli aumenti inizieranno il 1 agosto per le tratte extraurbane; l’Irpef porterà una spesa media di 60 euro in più; in arrivo anche l’aumento della tassa sui rifiuti e l’introduzione di quella di soggiorno

Consulta rom a Palazzo Marino Milano, 3 le richieste al sindaco Pisapia, la prima è lo STOP agli sgomberi, chiesto da gruppi nomadi regolari e irregolari

Rave party Milano Colonne San Lorenzo, al “party del buco” circa mille giovani a ballare fino all’alba gridando slogan di ringraziamento tra i quali “Con Pisapia è anarchia”

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

Ritirati militari Milano, alla vigilia dell’agosto la città perde 350 uomini preordinati alla sua sicurezza

Piazza Lavater Milano, Comune promette ma ancora niente stop ai lavori, il neo-assessore: Nessuna decisione affrettata, vogliamo evitare costosi risarcimenti ai costruttori

Ramadan e moschea Milano, iniziato il mese del digiuno vicensindaco ha invitato i rappresentati della comunità islamica ad un incontro l’8 agosto; Shaari: “Milano è pronta ad avere una moschea, sono i politici che hanno governato finora che non se ne volevano rendere conto”

Tassa di soggiorno Milano, Comune presenta proposta su balzello da 1 a 5 euro al giorno per i turisti in visita a Milano

Riduzione costi assessorati Milano, è polemica: il Comune parla del -7,86% complessivo, ma l’opposizione calcola l’aumento del 23% del danaro che ogni assessore della nuova Giunta disporrà per allestire la propria segreteria, passando da 70mila e 86mila euro per assessorato, ecco calcoli e dettagli


Di Redazione

3 COMMENTI

  1. E’ grave che non siano più pattugliate le zone a rischio come viale Padova e viale Monza. E’ grave accrescere gli emolumenti delle segreterie comunali. E’ folle finanziare l’ aggressività antisociale del leoncavallo.

  2. I milanesi si sono fatti intortare dai bei propositi, dalla “partecipazione” adesso paghino (pago anch’io). Quindi mi auguro che questi 5 anni passino in fretta e non lascino troppi danni….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here