Truffe e furti ad anziani Milano, altri due casi in due giorni, vittime una 92enne in via Pietro da Cortona e una 82enne in via Veratti; l’elenco ormai è infinito

Approfittano del fatto che sono anziani e che troppo spesso, ingenuamente, non esitano a spalancare le loro porte di casa ad estranei, anche solo per il gusto di fare  due chiacchiere e rompere la monotonia quotidiana. E i truffatori, uomini o donne che siano, ci vanno ovviamente a nozze.

 

Sono due i casi registrati solo negli ultimi due giorni a Milano.

 

 

Domenica 16 settembre, in via Pietro da Cortona, verso le 10 di mattina, una sedicente impiegata comunale, con la scusa di dover sbrigare una pratica dell’Aler, si è introdotta nell’abitazione di una 92enne.

 

L’anziana signora Elvira, avendo ricevuto proprio qualche giorno prima una missiva da parte dell’istituto per le case popolari, al momento non ha dubitato della buonafede della finta impiegata.

 

Quest’ultima, però, dopo aver distratto l’anziana con una scusa, l’ha derubata di 2.100 euro in contanti e si è velocemente dileguata.

 

La 92enne non ha potuto fare altro che denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine.
E’ di ieri, invece, la notizia di un furto ai danni di un’altra nonnina, questa volta di 82 anni, in via Veratti.

 

Un finto postino si è presentato alla porta dell’anziana con la ricevuta di una raccomandata da firmare.

 

Quando la signora si è allontanata dall’ingresso per cercare una penna, l’uomo si è introdotto nella sua camera da letto e ha fatto razzia di tutti i gioielli. Un bottino da circa 1.500 euro ma dal valore affettivo sicuramente più alto per la vecchina.

 

Fragili e indifesi come sono, gli anziani sono ormai le vittime preferite della delinquenza milanese.

 

Non c’è settimana in cui non si registri una truffa nei loro confronti e, la casistica degli espedienti utilizzati, è copiosa: si va dai falsi carabinieri al finto postino, passando dal sedicente messo comunale, ai falsi tecnici dell’aria condizionata o del gas o dell’elettricità.

 

Difficile purtroppo smascherare questi impostori così su due piedi, poiché spesso si presentano con un aspetto molto curato e un atteggiamento educato e conciliante, tali da indurre la vittima a fidarsi di loro.

 

Il consiglio però rimane sempre lo stesso: non aprire MAI ad estranei che si presentino all’improvviso al citofono o direttamente davanti alla porta di casa, seppur dotati di uniforme o tesserini.

 

E’ necessario, invece, adottare sempre tutte le misure precauzionali del caso, come ad esempio verificare telefonicamente la reale plausibilità della visita a domicilio, poiché nessun ente invia personale a casa per esigere il pagamento di bollette o, tanto meno, sbrigare pratiche senza annuncio scritto nella bacheca condominiale.

 

Qualsiasi sia il dubbio non bisogna esitare: basterà dire allo sconosciuto che prima di aprire la porta si desidera chiedere una conferma telefonando al 113 e, c’è da scommetterci, se dall’altra parte c’è un truffatore, si dileguerà alla velocità della luce.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Per i principali episodi di truffe ed aggressioni ai danni degli anziani registrati da agosto ad oggi, leggi anche:

Anziana truffata e rapinata Milano via Filzi, finti tecnici rubano 40mila euro a un 80enne

– Truffa e rapina anziano Milano via Doria, 88enne depredato sotto casa. Ormai c’è quasi un caso al giorno

– Anziana truffata e derubata Milano via Aselli, ladro si spaccia per messo comunale e depreda una 88enne

– Anziana di 96 anni rapinata in via Lomazzo a Milano da finiti incaricati all’assistenza domiciliare

– Rapine catenina Milano, non c’è un giorno di tregua: altre due donne rapinate in zona Bonola e viale Romagna

– Rapina catenina Milano, altre anziane scippate in via Trasimeno, quartiere Adriano, e via Palazzetta, zona viale Campania

– Anziana rapinata via Melozzo da Forlì Milano, 79enne preda di una rom alle 11 del mattino

– Anziana rapinata della catenina Milano viale Certosa via Arnaboldi, 96enne sbattuta a terra senza pietà

– Anziani rapinati Milano, altri 3 casi tra venerdì e sabato: le vittime hanno 80, 82 e 96 anni

– Anziana rapinata via Bartolini Milano, zona piazza Firenze, il rapinatore ha soltanto 10 anni, la vittima 80

– Furto orologio viale Corsica Milano, trucco dello specchietto contro un 72enne

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here