Rom piazza Belfanti Milano, le foto di due nomadi letteralmente infilati dentro i cassonetti di abiti della Caritas

rom piazza BelfantiDi seguito la segnalazione e le foto inviate alla nostra Redazione (redazione@cronacamilano.it) da un residente in zona piazza Belfanti, zona Navigli. Il problema, ancora una volta, la situazione di totale illegalità e insicurezza creata dai rom che, giorno e notte, mettono letteralmente a sacco il quartiere. Se, infatti, di giorno continuano a vessare i cittadini con l’accattonaggio molesto, di notte si scatenano tra furti a bordo di auto e razzia di abiti dai contenitori della Caritas (cosa, quest’ultima,  oramai diffusissima negli ‘usi e costumi’ dei nomadi stanziatisi a Milano). Il nostro lettore, con molto coraggio, ci ha inviato anche una foto di due rom presi nel pieno dell’azione, mentre saccheggiano gli abiti destinati ai bisognosi: quando, il Comune o i consiglieri di Zona, apporteranno interventi concreti? Nel dettaglio:

 

PIAZZA BELFANTI: DOMINIO DEI ROM DI GIORNO E DI NOTTE – “La situazione di degrado in piazza Belfanti e dintorni non ha più limiti – esordisce il nostro lettore.

– “Giorno e notte – precisa, – la piazza è in mano agli zingari!

 

L’AGGRESSIVITA’ COSTANTE DEI LAVAVETRI – “Di giorno abbiamo i lavavetri che, oltre a recare disagio ai cittadini, che il più delle volte si sentono costretti a dare loro della moneta per non subire danni alla vettura – prosegue il cittadino, –  lo recano anche al traffico, soprattutto a quello in entrata alla città dalla tangenziale (via La Spezia)!

 

I FURTI CONTINUI A BORDO DELLE AUTO – “La notte invece – spiega ancora il residente, – abbiamo gli stessi lavavetri che vagano tra le auto in sosta dei dintorni,  rompendo i vetri delle stesse e arraffando il possibile ( numerosi i casi in zona)!

 

LA RAZZIA DEGLI ABITI NEI CASSONETTI DELLA CARITAS – “In più – continua il residente, – si servono dei cassonetti gialli per la raccolta di indumenti da dare alla Caritas come se nulla fosse! Immortalati nella foto in allegato proprio ieri sera (mercoledì 2 ottobre 2013, ndr)!

 

FINIRA’ TUTTO IN MANO LORO? – “Pensare che li in zona a breve dovrebbe nascere uno dei parchi più belli della città – osserva il cittadino.

– “Speriamo –  conclude il nostro lettore – che non finisca in mano a loro! Cordiali saluti e buon lavoro, Un abitante della zona”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Per i Rom a Milano stanziati 6 milioni di euro, ecco tutte le spese del Piano approvato dal Comune

Parcheggiatori abusivi ospedali San Carlo e San Paolo Milano, una vittima: “Sono stranieri, estorcono in pieno giorno davanti a tutti”

Multe Atm su tram 27, una milanese: “Due ragazzi senza biglietto sono stati multati; un extracomunitario invece, anche lui senza biglietto, è stato fatto solo scendere, senza alcuna sanzione”

Scippo zingari metropolitana Loreto Milano, la vittima: “Hanno saltato i tornelli, li ho inseguiti, ma nessuno ha fatto nulla. Sono esasperato, basta!”

Rom via Trasimeno Milano vicino asilo largo Bigatti: “Sono aumentati i furti in appartamento, rubano i giochi dei bambini e i vestiti della Caritas, bivaccano sui prati e hanno creato orti abusivi tra i tralicci della corrente”

Rom viale Corsica via Mezzofanti Milano, una lettrice: “Siamo preoccupati per i nostri bambini, l’area è un viavai di nomadi che si stanno allestendo un nuovo campo abusivo”

 

di Redazione

8 COMMENTI

  1. Inutili lamentele, il comune di Milano ha deciso che i Rom non si toccano. Hanno pure stanziato alloggi che non sono mai stati occupati perché voleva dire “censimento” e identificazione per il domicilio, però i soldi si… quelli non si rifiutano mai. Oramai le periferie sono in mano loro.. possono fare ciò che vogliono senza preoccuparsi di nulla.

  2. Sergio ha fatto come sempre una attenta analisi di quella che è diventata Milano. Le periferie, tali sono in quanto distanti da chi governa la città.
    Dobbiamo integrare le varie etnie ? Nessun problema: mettiamo il tutto in periferia. Non dimentichiamo che negli anni 60/70 le periferie sono diventate terreno della deliquenza nostrana di allora, sostituita oggi da quella ormai che dire tutelata dei paesi dell’ est.
    Non solo: diamo pure dei contributi, con soldi, case, centri di accoglienza il tutto a carico dell’ onesto cittadino che già vive con difficoltà il quotidiano, alimentato da una pressione fiscale pari al 60% a cui corrisponde un pessimo servizio al cittadino, in primis per quanto riguarda la tutela della persona.
    Si parla di decadimento: eccolo servito è sotto le nostre finestre.

  3. Segnalo che da Viale Corsica stanno salendo verso il nod della città……ieri mattina un bel gruppo nutrito era in Pisacane angolo Gustavo Modena, mentre ormai è prassi vederli al mattino dalle mie finestre che rovistano tra i sacchi de irifiuti prima dell’arrivo dell’AMSA…..mah

  4. Una domanda ingenua: Pisapia e la sua coalizione hanno ottenuto la maggioranza e governeranno sino alla naturale scadenza del loro mandato. Considerando tuttavia le segnalazioni dei cittadini, possibile che non ci sia una inversione, una correzione della loro linea politica?……Leggendo i quotidiani di cronaca, da normale cittadino mi preoccupa il forte aumento dei reati. Reati odiosi (lo stupro), reati perpetrati verso le persone più deboli (rapine nei confronti di anziani e donne) e comunque una situazione generale che comporta una soglia di generale pericolosità (reale e non solo percepita) che costringe ad adottare accorgimenti che forse prima non si adottavano. Nessuno è contro l’integrazione, ma la stessa deve essere fatta secondo criterio…inutile aprire le porte a tutti quando non siamo in grado di accoglierli quei tutti….inutile aprire le porte a tutti quando i tutti non vogliono rispettare le Leggi a cui ogni cittadino deve sottostare…….in fondo le Leggi forse saranno scritte a volte male ed a volte in maniera incomprensibile, ma altro non sono che l’espressione delle regole del buon senso per una convivenza civile

  5. Rispondo molto volentieri a CarloPaolo ed a Marco Bestetti. La classe politica, con la scusa della solidarità ne trova schermo per non risolvere il problema di una città sempre più ingovernata. Abbiamo in modo insindacabile il problema dell’ integrazione che non può essere certo risolta tollerando campi attrezzati legali ed a nostre spese, le baraccopoli che crescono in ogni angolo della città. Tanto per segnalare alla redazione vedere le mini tende sotto la tangeziale Est – via Rubattino a ridosso del parcheggio del Cesi. Tutto questo alimenta un grande senso di abbandono, degrado che trova poi manifestazione in una crescente delinquenza. Gli strumenti legislativi, sono poi carenti, non danno agli organi preposti la possibilità di colpire i reati ergo delinquo, sono clandestino, sono sicuramente impunito. Provate a fare un ritardo sul versamento dell’ ultima Tares e vedrete che interessi. In tutto questo ci rimettiamo noi. Il Capo dello Stato pensa all’ indulto e svuota carceri. Peccato xchè metterebbe delinquenti in piazza. Le carceri ? Ci sono ma mancano i fondi per renderle attive, basta vedere i servizi della Gabanelli, Striscia, quante costruite e mai rese operative ? Possibile che Milano abbia solo San Vittore ed Opera ? E’ il sistema Italia che non funziona ed andrebbe cambiato alla radice, a noi nel nostro quotidiano ci tecca dire oggi non m’ è capitato nulla. Panorama veramente desolante e di un paese in declino irreversibile.

  6. Concordo con KARL: il sistema italia non funziona, e non funzioni per mille motivi e per mille aspetti. Però da uomo della strada mi chiedo: possibile che non si riesca a farsi ascoltare? possibile che tra la Gente comune e le posizioni di poteri (piccole e grandi che siano) esiste un abisso?…..nuovo grattacielo della regione Lombardia: costruito a tempo di record per una spesa (se ricordo bene) di 450 milioni di euro, Passataci davanti: non c’è un ciuffo di erba fuori posto……..Milano: decine di aree pubbliche sventrate per posteggi sotterranei, ed abbandonate (vedasi largo Rio de Janero)……ma com’è possibile che manchi il controllo della pubblica autorità? il controllo su tutto?…forse sono solo un sognatore, un sognatore che si immagina un mondo dove le regole hanno senso e sono rispettate, dove ogni singolo è cosciente del rispetto altrui……..caspita si chiede troppo? Posibile che se dei ragazzi di un centro sociale mi imbrattano i muri di casa, ci si sente dire che se il muro, se il portone è in strada significa che è di tutti?……..certo continuiamo così, nel buonismo dilagante, nell’assenza di regole e vediamo dove andremo a finire

  7. Purtroppo Milano, è caduta in una decadenza inconcepibile, integrazione sì ma via i ladri o chi non ha rispetto di questa civiltà, la violenza è aumentata, io stessa sono stata aggredita brutalmente in cso Como, e adesso ci penso due volte prima di scegliere di uscire, perchè non voglio morire per via di questi scellerati. Vi sembra mai possibile? Pisapia cosa fà? Rimane a guardare dalla sua poltrona e sta facendo cadere Milano, nei limiti della soglia …..Peccato, Milano ha bisogno di più!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here