Parcheggio interrato via Aporti – Varanini – Cavalcanti Milano, i NO del comitato residenti

Incrocio-Aporti-VaraniniAncora problemi per la giunta comunale, guidata (teoricamente) con i criteri sostenuti dal Sindaco Pisapia ed appartenenti al partito SEL: Sinistra, Ecologia, Libertà. In realtà, ai residenti della zona Aporti-Cavalcanti “sfuggono” tali elementi ideologici, e protestano contro la costruzione, del resto anche contraria alle dichiarazioni pre-elettorali, del mega parcheggio di 5 piani, ovviamente a pagamento, che porterà grandi danni agli abitanti della zona. “La realizzazione del garage è stata approvata dalla giunta arancione nel settembre  2012 – spiegano i rappresentanti del comitato cittadino “No al Parcheggio interrato Aporti – Varanini”. – I danni ed i rischi che si prefigurano sono i seguenti: 

 

1-DANNI ALLE STRUTTURE DEGLI EDIFICI PIU’ PROSSIMI AL CANTIERE– “I danni strutturali agli edifici circostanti non sono una conseguenza ‘non prevedibile’, – spiegano i portavoce del comitato, – poiché la struttura sarà a diretto contatto con le fondazioni degli immobili attigui.

– “Del resto, si tratta di esiti già avvenuti per molti altri cantieri  simili  a Milano, – proseguono. – Due esempi lampanti sono i casi di via Ampere e via  Bernini, dove i lavori hanno causato crepe negli edifici del circondario, inclinazioni e pericolose anomalie strutturali, ancora non sanate dalle ditte costruttrici

– “In questo specifico caso – aggiungono –i rischi maggiori sono proprio a carico degli immobili più attigui al parcheggio interrato, quindi in via Cavalcanti, via Ferrante Aporti e  via Varanini.

 

2- DANNI ANCHE AGLI EDIFICI INTERRATI INSISTENTI SUL RESTO DELL’AREA COINVOLTA – “Ulteriori danni verrebbero inoltre a crearsi  per tutti gli altri edifici della zona – spiega ancora il comitato. – Il motivo è da ricondurre alle acque sorgive presenti in corrispondenza delle vie Cavalcanti e Aporti: in passato erano notissime e molto utilizzate. Venivano raccolte ed incanalate in una roggia  (la ‘roggia degli elemosinieri’) e oggi sono ancora lì. Di conseguenza, intervenire in tale area porterebbe danni a cantine, box, magazzini e quant’altro presente ai piani interrati

 

3- ELIMINAZIONE 100 POSTI AUTO LIBERI E GRATUITI – “I posti auto attuali, pubblici e gratuiti per i residenti – prosegue ancora il comitato, – verranno cancellati immediatamente, in coincidenza con l’apertura del cantiere, creando gravi difficoltà sia a chi abita in zona, sia a chi no.

– “Tali obiettive difficoltà – precisano – dureranno per tutti gli anni della realizzazione dei lavori, che potrebbero protrarsi per 3, 5, 10 anni e chi lo sa!

– “Del resto – sottolineano, –  già di fronte al Museo della Shoah ne sono stati eliminati 150 anche, se la normativa di settore vigente, prevede all’ art. 4 comma 1 del Dm. 1444/1968, ‘l’obbligo di reperire le aree a parcheggio pubblico (e non solo quelle)  nelle immediate vicinanze delle abitazioni’.

 

4-PREGIUDIZI ECONOMICI AI RESIDENTI – “Conseguentemente all’eliminazione dei posti auto – spiegano ancora i cittadini,chi non intenda o non possa materialmente essere nelle condizioni economiche di acquistare un posteggio all’interno del nuovo mega-parking, sarà costretto a trovare altre, comunque costose, alternative.

 

4- DANNI ANCHE PER LE ATTIVITA’ COMMERCIALI  E PROFESSIONALI DEL QUARTIERE – “Ma c’è di più – mettono ancora in luce i portavoce del comitato di protesta. – La lunga, e mai certa, durata dei lavori, metterà in ginocchio anche le attività commerciali e professionali che si affacciano sulle vie Aporti e Cavalcanti, e sulle vie adiacenti. A causa, infatti, del tracollo del traffico in prevedibile aumento, e delle difficoltà di circolazione per tutta la durata del cantiere, le persone saranno logicamente scoraggiate dal voler frequentare la zona al fine di fare acquisti.

 

LA RICHIESTA ALLA GIUNTA PISAPIA – “Chiediamo quindi vivamente alla giunta Pisapia  ed all’assessore alla Casa, Demanio e Lavori pubblici di Milano, Lucia Castellano – concludono i residenti, – di fermare il cantiere che,  se partisse, sarebbe l’ennesimo sfregio ad un quartiere in stato di degrado da decine di anni!”

 

INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni:

– Comitato “No al parcheggio interrato Aporti-Varanini”

– via Cavalcanti, 8 20127 – Milano

– indirizzo email noalparkinterrato@libero.it  

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

LETTERA ALLE AUTORITA’ COMPETENTI – Di seguito la lettera inviata ufficialmente dal Comitato “No al Parcheggio interrato Aporti – Varanini” al Sindaco Giuliano Pisapia:

 

 

Milano, 17 gennaio 2013

 

-AL SIG. SINDACO DI MILANO

 -ALL’ ASSESSORATO ALL’URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA

– C.C. PRESIDENTE DELLA ZONA 2

 

“Gentili Signori,

i sottoscritti cittadini, tutti residenti in Zona 2 e/o  frequentatori delle aree prospicienti le vie Ferrante Aporti, Sammartini,Cavalcanti, Lumiere, ed altre adiacenti,  venuti a conoscenza della approvazione da parte della Giunta della realizzazione del parcheggio interrato Aporti-Varanini-Cavalcanti, (contrariamente alle dichiarazioini pre-elettorali),  espongono, in base alle motivazioni sotto riportate, la propria decisa contrarietà alla realizzazione di detto parcheggio che certamente, vista l’esperienza di altre realizzazioni similari, porterà ai cittadini problemi e danni.

Anche  lo stato di degrado del quartiere che si perpetua da decine di anni, al quale contribuisce pesantemente la presenza indecorosa del Rilevato Ferroviario , ci spinge a chiedere a codesta Giunta di non aggravare ulteriormente la situazione esistente, già così compromessa, realizzando un’opera inutile e pericolosa.

I sottoscritti cittadini, certi che la loro istanza verrà attentamente valutata dalla Giunta, e per competenza dagli Assessorati preposti, restano in attesa di concrete azioni di codesta Amministrazione nella direzione auspicata.

Cordiali saluti.

(Si allegano le  fotocopie della raccolta firme, i cui originali sono a   disposizione di chiunque, di codesta Amministrazione, li richieda)”

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Rom Forlanini Milano, la rabbia di un residente: “Pisapia ci ha traditi!”

Esenzioni Area C Milano malati cronici, la bufala del Comune, intervista di Cronacamilano

Via Ferrante Aporti Milano, dopo altri 6 mesi di promesse del Comune, il degrado continua, foto e interviste

Via Gassman Milano Quartiere Adriano, tante promesse elettorali ma i disabili sono ancora bloccati tra aiuole e cemento: foto e intervista di CronacaMilano

Parcheggi per residenti Milano via Inganni, gli abitanti di zona vogliono le linee gialle deliberate sotto la scorsa Giunta ed ora eliminate: la questione

Protesta agricoltori Milano Cascina Zerbone, Comune vuole la costruzione di 830 appartamenti sui terreni degli ultimi produttori di latte di Milano

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here